MotoGP, Casey Stoner: “Non ho dubbi, Lorenzo può vincere”

0
345
Casey Stoner
Getty Images

MotoGP, Casey Stoner: “Non ho dubbi, Lorenzo può vincere”

Dopo aver annunciato la fine della sua collaborazione con Ducati, Casey Stoner resta un osservatore speciale della MotoGP ed è pronto a scommettere sulla Repsol Honda. Secondo l’ex campione australiano il team nipponico sta costruendo una RC213V su misura per il neo arrivato Jorge Lorenzo e metterlo in condizione di poter puntare al titolo mondiale: “Non ho dubbi che può vincere”.

Casey Stoner è entrato a far parte del team ufficiale Honda nel 2011 e ha conquistato dieci vittorie in GP e il titolo MotoGP nella sua prima stagione con il costruttore giapponese. Jorge Lorenzo arriva a Repsol-Honda nel 2019 dopo due anni con Ducati e non è da escludere che possa ripetere l’impresa dell’australiano: “Penso che sarà più facile per Jorge passare da Ducati a Honda. La Honda è molto più di una moto normale”, ha detto a Speedweek.com. “Ci è voluto più tempo per vincere di quanto ci aspettassimo. Ma Jorge ha dimostrato di poter vincere su una Ducati. Andare in Honda lo motiverà. Non ho dubbi che possa farlo. Sono molto interessato a vedere cosa succede” (Per tutte le info su Jorge Lorenzo LEGGI QUI).

Casey Stoner scommette sulla Honda e Jorge Lorenzo

Da settimane si vocifera di un possibile ritorno di Stoner in veste di collaudatore HRC, ma sembra un progetto destinato a cadere nel vuoto. Con Lorenzo e Marquez si va formando un dream team destinato a comandare il campionato del mondo della classe regina. Nei due giorni di test a Jerez il maiorchino ha fatto già un bel passo avanti, chiudendo a 0,135″ dal campione del mondo, frutto anche di una modifica al serbatoio e alla seduto un po’ in stile Ducati.

Mettere Lorenzo in condizione di vincere il Mondiale sarà una nuova sfida per i tecnici Honda: “La Honda può avere un telaio diverso e persino ali e geometrie diverse”, ha aggiunto Casey Stoner. “Quando ero in Honda, Dani Pedrosa e io spesso prendevamo decisioni diverse, e so che Marc ha sempre preferito un assetto diverso da quelli di Dani. È persino possibile che Jorge e Marc scelgano diverse mappature elettroniche… Takeo [Yokoyama] prende molto sul serio le corse e ha una grande passione per questo lavoro. Era sempre interessato a ciò che avevo da dire sulla moto e sulle varie opzioni”. Una frecciata indiretta alla Ducati che, a suo dire, ha preso in scarsa considerazione i suoi feedback nelle ultime due stagioni.