Valentino Rossi al Monza Rally SHow
photo Twitter

MotoGP, Valentino Rossi: “Yamaha deve migliorare 4-5 cose”

Valentino Rossi conquista il settimo titolo al Monza Rally Show, il quarto consecutivo, ma deve cedere il Masters’ Show a Tony Cairoli, protagonista di qualche velata polemica in merito alla presenza delle WRC Plus. A detta del campione di Motocross gli organizzatori dell’evento avrebbero ucciso lo spettacolo ammettendo le vetture maggiorate in gara. Alla fine, per buona pace di tutti, la sfida tra i due titani finisce in parità e dal prossimo anno bisognerà rivedere il regolamento se si vuole preservare questo weekend all’insegna dei motori.

Valentino Rossi rivolge il pensiero alla MotoGP 2019

Chiuso il capitolo rallistico il campione di Tavullia ha davanti a sè un periodo di relax prima di prepararsi in vista del prossimo Motomondiale e dei winter test in programma a febbraio. Prima dell’inizio del campionato MotoGP ci saranno solo sei giornate di test, dal 6 al 9 febbraio a Sepang e dal 23 al 25 febbraio a Losail. Due test che potrebbero già condizionare il Mondiale della Yamaha, dal momento che le lacune da risolvere sono sostanziose e il rischio è che Valentino Rossi debba ancora una volta fare i conti con il gap tecnico di una M1 incapace di risolvere i problemi. Una volta adottata la miglior specifica di motore si potrà migliorare di volta in volta il setting, anche se dopo Jerez il parere del Dottore al riguardo non è stato confortante. (Per seguire gli sviluppi della Yamaha M1 2019 LEGGI QUI)

“A febbraio avremo un test molto importante perché capiremo quale sarà il nostro livello per la stagione. Speriamo se saremo più competitivi e se la Yamaha riesca a migliorare un po’, così almeno l’anno prossimo ci possiamo divertire“, ha dichiarato Valentino Rossi a Sky Sport. “Ci sono quattro o cinque cose importantissime che dobbiamo migliorare, ci stanno lavorando, ci vuole un po’ di tempo, da qui a febbraio è il momento giusto“.

Dal prossimo anno il pesarese si ritroverà Franco Morbidelli nel box Yamaha satellite, il quale potrebbe contribuire allo sviluppo della YZR-M1, mentre il fresco campione di Moto2, Pecco Bagnaia, esordirà ufficialmente in MotoGP con la Desmosedici: “Saranno una grossa bega – ha scherzato Valentino Rossi -. Mi vogliono fregare e non vedono l’ora di battermi. Solitamente i giovani fanno così, dovremo cercare di vendere cara la pelle”.