Ci sono importanti novità sulle condizioni di salute di uno dei giovani ricoverati dopo la strage di Ancona.

Una ragazza di 15 anni, tra i feriti gravi, è uscita dal coma. I dottori  dell’ospedale Le Torrette di Ancona, dove al momento  è ricoverata la piccola, hanno spiegato che è in buone condizioni e ancora sotto osservazione nel reparto di terapia intensiva.

Momentaneamente la giovane  è confusa, assistita da uno psicologo, ma è  cosciente e vuole tornare a casa sua ma, hanno spiegato i medici, “questo e’ prematuro”. Le condizioni delle altre sei  persone coinvolte restano stabili. Sono dei giovani, tenuti in coma farmacologico, che potrebbero avere subito lesioni anche per mancanza di ossigeno.

 

Il sindaco di Corinaldo: “Mi sento responsabile”

 

“Sento la responsabilità morale di quello che è successo”. A parlare è il sindaco di Corinaldo, Matteo Principi, sottolineando come il primo cittadino di un comune sia “responsabile anche del livello culturale di una comunità e questa responsabilità la sento”. Principi ha inoltre aggiunto:

“Siamo tutti in po’ corresponsabili: la materia della sicurezza, declinata in qualsiasi forma è un elemento culturale che dobbiamo tenere bene in considerazione”. Il primo cittadino ha poi cloncluso che “le tre uscite di sicurezza codificate dal piano sicurezza c’erano. Il piano della sicurezza lo abbiamo ed è stato depositato: è uno strumento che va rispettato con parametri e quegli obblighi previsti e depositati nei vari uffici”.