Marquez: “Valentino Rossi mi ha fatto i complimenti e abbiamo parlato”

Torna il sereno tra i due

0
3219
Valentino Rossi e Marc Marquez (Getty Images)

MotoGP | Marquez: “Valentino Rossi mi ha fatto i complimenti e abbiamo parlato”

Non saranno mai grandi amici perché non possono esserlo, sono la dicotomia della MotoGP, chi tifa per uno non può simpatizzare per l’altro. Valentino Rossi e Marc Marquez una storia vista tante volte nel motociclismo, ma che nel XXI° secolo viene mitizzata dai social per rimbalzare nel mondo e farsi leggenda. I due si sono scontrati spesso in pista e fuori.

Negli ultimi tre anni il rapporto tra i due è stato decisamente burrascoso tra scorrettezze in pista e parole grosse fuori. Marc Marquez però parlando dell’argomento a “Radio Cadena SER” ha lasciato intendere che ci sono spiragli per un rapporto civile tra i due in futuro: “Personalmente ammiro molto quello che Valentino sta facendo a quasi 40 anni. Ha costruito bene il suo gruppo allenandosi con piloti più giovani e di talento”.

Se sei interessato a tutti gli aggiornamenti su Valentino Rossi CLICCA QUI

Tra Rossi e Marquez non c’è amore

Lo spagnolo ha poi fatto una clamorosa rivelazione: “Onestamente il nostro rapporto ora è molto più tranquillo. Durante il gala della Dorna mi ha fatto anche i complimenti e abbiamo parlato un po’. In Malesia quando uscendo dai box non mi ha visto mi ha chiesto scusa. Naturalmente non siamo amici, ma possiamo avere una relazione professionale. Tra Rossi e Lorenzo sceglierei il mio nuovo compagno di team per andare in vacanza perché parliamo la stessa lingua”.

Infine Marc Marquez ha così concluso il suo intervento: “Io e Valentino Rossi siamo entrambi dell’acquario, lui è nato il 16 febbraio e io il 17. Siamo nati quasi a San Valentino, ma tra noi non c’è amore. Lorenzo ha già fatto i primi confronti tra Ducati e Honda, ma bisognerà vederlo in pista. Mi ha già detto che la moto è piccolina, ci siamo salutati, ma ognuno ha la sua squadra di lavoro. Saremo compagni di box, ma saremo quasi due team diversi. La cosa positiva sarà che condivideremo i dati, non metterei mai un veto a Lorenzo perché sarebbe come avere una forma di paura”.

Antonio Russo