MotoGP, Bagnaia: “Sensazioni bellissime, siamo sulla strada giusta”

0
250
francesco pecco bagnaia motogp valencia test ducati
Francesco ‘Pecco’ Bagnaia (foto Alma Pramac Racing MotoGP)

MotoGP, Valencia Test | Bagnaia contento del primo giorno in Ducati.

Francesco Bagnaia ha esordito oggi sulla Ducati GP18 del team Alma Pramac nel primo giorno di test MotoGP a Valencia. Un debutto positivo, visto l’undicesimo tempo finale a meno di un secondo dal leader Maverick Vinales.

Pecco ha cercato di girare il più possibile per adattarsi alla Desmosedici. Venendo da una categoria diversa, è importante trovare al più presto il giusto feeling. Il campione del mondo Moto2 2018 si è comportato bene. E’ stato il migliore tra i rookie e sembra aver cominciato nel modo giusto il suo apprendimento in MotoGP.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le ultime notizie del Motomondiale CLICCA QUI

MotoGP, Valencia Test: parla Pecco Bagnaia

Francesco Bagnaia si è concesso ai microfoni di Sky Sport per commentare il proprio esordio in MotoGP. Queste le parole di Pecco: «Sensazione bellissima. Andare così veloce in rettilineo e sentire la vera potenza è una grande figata. La cosa bella che ho provato oggi è la connessione tra gas e gomma dietro. Sono contento di aver trovato il feeling abbastanza in fretta. Bisognerà ancora lavorare molto, soprattutto sui freni perchè non riesco a sfruttarli come dovrei. Però ho fatto solo 38 giri, ci sta. Ci sono tanti aspetti su cui posso migliorare. Sono soddisfatto. Siamo sulla strada giusta, c’è margine un po’ dappertutto».

Al giovane talento della VR46 Riders Academy sono arrivati anche i complimenti di Davide Tardozzi, team manager Ducati: «Pecco un grande investimento, ho detto tutto. Ha una buona squadra e ci darà soddisfazioni». La casa di Borgo Panigale è convinta di avere tra le mani un talento importante. Bagnaia ha Cristian Gabarrini come capo-tecnico, reduce dalle due stagioni con Jorge Lorenzo nel team ufficiale. C’è il potenziale per fare bene, però ovviamente c’è tanto lavoro davanti ancora.


Matteo Bellan