Multe record in borgo ligure: 60 mila in 2 settimane

0
134
(©Polizia di Stato)

News | Multe record in borgo ligure: 60 mila in 2 settimane

Trattandosi di una piccola frazione come quella di Acquetico, nel Comune di Pieve di Teco, Imperia, il numero di multe affibbiate in sole due settimane ha dell’incredibile. Stiamo parlando di un totale di 58.568 foto scattate dall’Autovelox.

Alla faccia del limite di 50 km/h nel centro abitato, alcuni automobilisti, hanno tenuto un passo quasi triplicato.

Abbiamo avuto anche un record di 135 chilometri orari, alle 16.45, in un tratto urbano, dove il limite è di cinquanta”, ha raccontato il sindaco Alessandro Alessandri, convinto a far montare le colonnine dopo le continua lamentele della popolazione, composta in maggioranza da anziani . “È davvero una follia, considerato che abbiamo gli abitanti che regolarmente si spostano in paese e attraversano la strada”.

Il primo cittadino ha reso noto che installerà nuovi autovelox,per scoraggiare gli eccessi: “Speriamo che questi misuratori di velocità possano essere un valido deterrente per gli automobilisti e che possano giovare ai cittadini di Acquetico, perché non si vuole far cassa con le multe, ma è necessario tutelare l’incolumità delle persone e rendere il centro abitato un posto sicuro”.

Come riportano i dati dei rivelatori di velocità, un automobilista su tre infrange il codice stradale nel tratto della Statale 28. Va tenuto presente che nella frazione di Acquetico vivono circa 120 persone.

I francesi  sul loro tratto della Statale 20 che collega Ventimiglia a Cuneo hanno piazzato radar a non finire, dossi e la notte sbarrano pure l’accesso. Così molto automobilisti optano per la Statale 28”, ha spiegato il borgomastro.

Con tre linee principali che collegano la vicina regione del Piemonte alla costa settentrionale dell’Italia, la statale che attraversa la piccola frazione rimane il migliore per coloro che cercano di evitare i fastidiosi dossi o i pedaggi. A fronte di queste importanti infrazioni, il sindaco ha deciso di posizionare un dispositivo permanente, non più un autovelox provvisorio.