Qualità della vita in Italia: Bolzano in testa, ecco dove si vive peggio

Bolzano
Bolzano

Secondo l’annuale indagine condotta da “Italia Oggi”, con la collaborazione dell’Università Sapienza di Roma, Bolzano è la città dove si vive meglio nel Bel Paese.

C’è sempre grande curiosità nella popolazione italiana per capire le parti del Paese in cui la qualità della vita è migliore. Ebbene, secondo l’indagine annuale condotta da “Italia Oggi”, con la collaborazione dell’Università Sapienza di Roma, è Bolzano la città in qui si vive meglio in tutta l’Italia. Il capoluogo del Trentino-Alto Adige si conferma in prima posizione per il secondo anno consecutivo, per la soddisfazione della sua amministrazione politica e anche dei suoi cittadini.

Fanalino di coda Vibo Valentia, brutto calo per Roma

Il podio, oltre a Bolzano, viene completato da Trento e Belluno. Quindi aprite le orecchie: se state pensando di spostarvi e vivere altrove, queste tre città sono il posto giusto. A certificare i problemi di Roma, oltre al malcontento generale della popolazione romana, adesso arriva anche questa classifica: la Capitale vittima del degrado tra traffico e rifiuti scende dal 67° all’85° posto della classifica. Male anche Venezia. Stabili Napoli (in terzultima posizione) e Palermo (al 106 posto). Milano si attesta 55esima. Fanalino di coda Vibo Valentia. Un grande plauso va a Siena, che ha recuperato sette posizioni (era undicesima) e adesso occupa la quarta piazza di questa speciale graduatoria.

Qualità della vita, i parametri utilizzati per la classifica

Come riportato dal ‘Corriere della Sera’, lo studio ha utilizzato nove dimensioni d’analisi (affari e lavoro, ambiente, criminalità, disagio sociale e personale, popolazione, servizi finanziari e scolastici, sistema salute, tempo libero e tenore di vita), 21 sottodimensioni e un elevato numero di indicatori di base (84, oltre il doppio di quelli considerati in altre ricerche). Insomma, l’indagine di “Italia Oggi”, coordinata da Alessandro Polli del Dipartimento di Scienze sociali ed economiche dell’Università La Sapienza, intende stimolare il dibattito sui percorsi da intraprendere per incrementare il benessere (non solo economico) delle comunità locali.