Jorge Lorenzo: “Ducati, da rivale ti auguro momenti cattivi”

0
530
Jorge Lorenzo
Getty Images

MotoGP, Jorge Lorenzo: “Ducati, da rivale ti auguro momenti cattivi”.

Domenica Jorge Lorenzo ha guidato la sua ultima gara in MotoGP per il team ufficiale Ducati a Valencia. Dopo una gara difficile sul bagnato, lo spagnolo ha chiuso solo al 12esimo posto.
Solo 15 corridori hanno concluso il GP di Valencia e Jorge Lorenzo ha concluso 12°, 46.146 secondi dietro al vincitore e al compagno di squadra della Ducati, Andrea Dovizioso.

Durante il weekend di gara sul circuito Ricardo Tormo, il saluto di Lorenzo alla sua squadra, dove ha trascorso due intensi anni, era in primo piano. “Vorrei ringraziare tutti. È stato un onore lavorare con questa squadra, anche in tempi difficili”, ha detto il maiorchino. “Come amico, ti auguro il meglio per il futuro. Come rivale, ovviamente, spero che siano momenti cattivi”, ha scherzato il pilota di Maiorca. “Ma è impossibile, perché sono molto professionali. Continueranno a ottenere buoni risultati”.

>>> Per tutte le info sulla Ducati LEGGI QUI <<<<

Anche se i due anni con la Ducati non sono stati il ​​maggior successo del triplo Campione del Mondo MotoGP, lui non lascia la squadra con ricordi negativi. “Non abbiamo vinto una Coppa del mondo insieme, ma avevamo il potenziale. Se avessimo avuto un paio di altre stagioni insieme, sono sicuro che avremmo raggiunto quell’obiettivo. Sono caduto due volte quest’anno e mi sono infortunato, quindi sono stato davvero sfortunato. Questo ci ha impedito di ottenere più vittorie. Ma il nostro sport è rischioso. Abbiamo sviluppato la moto negli ultimi due anni, quindi dovremmo esserne orgogliosi”.

Tra i ricordi più graditi sicuramente la vittoria al Gran Premio d’Italia, davanti al pubblico italiano e su una moto tricolore. “”La prima vittoria è stata la più speciale in quanto era in Italia con una moto italiana, mi mancava il fatto di essere italiano, ma almeno ero latino”, ha detto Jorge Lorenzo. “È stato molto speciale soprattutto perché è arrivata dopo un anno e mezzo di lotta”.