Diesel in crisi, stabilimento FCA di Pratola Serra a tempo ridotto

0
266
Stabilimento FCA
FCA © Getty Images

I motori diesel sono entrati in crisi ed uno stabilimento FCA, quello di Pratola Serra in provincia di Avellino, ne risente in termini di orario ed impiego. Durante il mese di dicembre infatti la fabbrica sarà aperta solamente quattro giorni a settimana considerata la mole di lavoro minore rispetto al passato. Gli altri giorni di chiusura, stando a quanto affermato da FCA, saranno coperte da cassa integrazione e chiusure collettive. A fare chiarezza sulla situazione in maniera ufficiale sono stati Michele De Palma, segretario nazionale Fiom, e Giuseppe Morsa, segretario generale Fiom Avellino, che con una nota congiunta affermano: “La pesante crisi abbattutasi su Pratola Serra, dovuta alla crisi dei propulsori diesel, continua a penalizzare i lavoratori che vivono da tempo questa condizione di incertezza. Nessun programma di riconversione è stato presentato da FCA, che continua ad accumulare ritardo sul tema dell’innovazione”.

Per tutte le informazioni sulle novità sul mondo dei motori CLICCA QUI

La crisi del diesel colpisce lo stabilimento FCA

Il prossimo 29 novembre ci sarà un incontro con i sindacati per capire la situazione dei lavoratori dello stabile e conoscere il loro futuro. Non è da escludere che lo stabilimento di Pratola Serra possa essere riconvertito. Dal diesel infatti la fabbrica potrebbe passare a trattare l’ibridio, in netta crescita anche per quello che riguarda il mondo FCA. La produzione di tre nuovi modelli come la Jeep Compass a Melfi, Maserati D-SUV a e Pomigliano Alfa Romeo E-SUV a Mirafiori dovrebbero in parte coprire la mancanza di lavoro sui motori diesel. Gli aggiornamenti e notizie ufficiali sulla situazione della fabbrica arriveranno però solamente dopo l’incontro del 29 novembre.