jorge lorenzo motogp valencia 2018 ducati
Jorge Lorenzo (©Getty Images)

MotoGP, Valencia 2018 | Jorge Lorenzo commenta l’ultima gara in Ducati.

Jorge Lorenzo non ha chiuso come voleva la propria esperienza in Ducati. Il cinque volte campione del mondo ha chiuso solamente al dodicesimo posto l’ultima gara di Valencia.

Tra condizioni fisiche non ottimali e pista completamente bagnata, è stato molto difficile per il maiorchino oggi. Sperava di poter concludere il capitolo ducatista con un risultato importante, però non è stato possibile. Adesso la testa è alla nuova esperienza in Honda, che partirà martedì nel primo giorno di test proprio a Valencia.

-> Se vuoi restare aggiornato su tutte le ultime notizie del Motomondiale CLICCA QUI

MotoGP Valencia 2018, parla Jorge Lorenzo

Jorge Lorenzo al termine della gara si è concesso ai microfoni di Sky Sport MotoGP. Queste le sue considerazioni: «Condizioni con molta acqua, è difficile guidare con fluidità e fiducia. Così è per tutti. Solo che gli altri erano disposti a rischiare di cadere, io invece non avevo questa possibilità. Non dovevo cadere, visto che sto recuperando da un infortunio e non potevo peggiorare. In queste condizioni è facile commettere un errore. Difficile essere competitivo se non sei disposto a rischiare di cadere».

In seguito il cinque volte campione del mondo ha parlato più nel dettaglio delle sue condizioni fisiche. Ha confermato di poter rischiare, anche se gli spiace non aver potuto far meglio: «Sono alla quarta settimana di un infortunio che guarisce solitamente in setto o otto. Ho già fatto tanto per essere qui e provarci. Mi trovavo bene su pista asciutta, un po’ meno con poca acqua e molto male con molta acqua. Le possibilità di cadere erano molto alte e con queste lesioni non potevo rischiare. Volevo fare un’ultima gara bella con Ducati, però non potevo. Ogni giorno sento che miglioro a livello di mobilità del polso».

Lorenzo da martedì salirà sulla Honda e comincerà la propria avventura nel team Repsol al fianco di Marc Marquez. A tal proposito afferma: «Martedì non sarò al 100%, però penso che potrò capire abbastanza bene la nuova moto. Ora è difficile staccarsi da quello che è successo oggi e pensare subito al futuro. Però il mio primo pensiero è quello di ringraziare Ducati per il supporto e per avermi preso. Adesso è finita, non farò più gare in rosso. Ora mi aspetta una nuova sfida molto importante e ho molte aspettative».

 

Matteo Bellan