WRC Australia: Per una foto rischiano di essere investiti da Neuville

(WRC + Live)

WRC | Per una foto rischiano di essere investiti da Neuville

Quello a cui si è assistito al Rally d’Australia nel corso della seconda tappa è la più veritiera immagine di ciò che sono i tempi moderni. Persone disposte a tutto, anche a perdere la vita, pur di condividere sui social network qualcosa di unico e distintivo. La polizia locale ha già riconosciuto i due autori del gesto sconsiderato che avrebbe potuto causa una vera e propria tragedia.

Il fatto

Protagonista suo malgrado della vicenda è Thierry Neuville. Il belga della Hyundai stava affrontando a piena velocità (125 km/h) la speciale Welsh Creek Reverse quando si è trovato davanti due spettatori sdraiati a bordo strada con in mano un cellulare per scattare delle foto mozzafiato.

La i20 del pilota attualmente in lizza con Ogier e Tanak per il mondiale, ha letteralmente sfiorato i due incoscienti e per poco non è successo il patatrac.

Per sapere come sta andando il Rally d’Australia LEGGI QUI

L’intervento della polizia e i precedenti

Gli organizzatori della corsa non hanno voluto rilasciare dichiarazioni, mentre le forze dell’ordine sono intervenute per identificare i due spettatori. Dopo un’indagine durata tutta la notte gli avventati tifosi sono stati rintracciati grazie ad altri scatti postati sulle reti sociali.

Purtroppo per il WRC del Antipodi, questo non è il primo caso del weekend. Durante la terza ps, ovvero a corsa praticamente appena cominciata, Andreas Mikkelsen, altro driver Hyundai, ha rischiato di fare un frontale contro un trattore che per qualche motivo si trovava sul percorso. Uno spavento che è costato piuttosto caro al norvegese. Ormai deconcentrato pochi metri dopo è uscito di strada e si è dovuto ritirare.

Nell’edizione 2017, invece, si era vissuto un episodio analogo a quello con Neuville. Due fan si erano aggrappati ad una roccia per immortalare i diversi passaggi, ovviamente giocandosi un jolly importante e facendolo giocare anche ai piloti.

Chiara Rainis