MotoGP Valencia, Dovizioso: “Feeling brutto, ma abbiamo delle idee”

dovizioso marquez motogp valencia
Andrea Dovizioso e Andrea Marquez (©Getty Images)

MotoGP Valencia 2018, Dovizioso: “Feeling brutto, ma in Ducati abbiamo idee”

Una giornata non semplice per Andrea Dovizioso sulla pista bagnata del circuito Ricardo Tormo di Cheste. Il pilota Ducati è riuscito a mantenersi nella top 10 dei tempi combinati FP1-FP2, però non è contento.

Il vice-campione del mondo MotoGP 2017 e 2018 non si trova completamente a proprio agio. Il tracciato di Valencia non è tra i suoi preferiti, però ci tiene a fare bene. Ovviamente le condizioni odierne non sono semplici per nessuno e dovrebbero rimanere così per tutto il weekend. Nel team ci sarà del lavoro da fare per sistemare al meglio la Desmosedici GP18.

MotoGP Valencia: Dovizioso dopo le Prove Libere

Andrea Dovizioso ha parlato ai microfoni di Sky Sport MotoGP al termine della prima giornata di Prove Libere. Questi primi commenti del pilota forlivese: «Nel pomeriggio abbiamo trovato condizioni diverse rispetto al mattino. Stamane avevo più grip, in FP2 era più difficile soprattutto alla fine del turno. Non avevo un gran feeling, dobbiamo capire perché. Abbiamo delle idee. Quest’anno non abbiamo quasi mai girato sull’acqua. Il feeling era veramente brutto. Alla fine della sessione ho trovato Vinales e sono riuscito a migliorare il tempo. Studiamo e vediamo cosa capiremo».

Il centauro della Ducati non è felice di questi primi turni, però rimane fiducioso di poter migliorare domani. Ovviamente bisognerà vedere quali saranno le condizioni della pista, fermo restando che ci si aspetta nuovamente pioggia. Dovizioso ha avuto modo di spiegare nel dettaglio i suoi problemi: «Non avevo feeling per entrare forte e scorrere in centro-curva. Poi si creano problemi in tutto, anche in uscita dalle curve. Non scorrevo, non riuscivo a mollare i freni e fare le linee giuste. Però abbiamo delle idee, vedremo come andrà. Speriamo basti una sessione per sistemare tutto. Gomme? Davanti si sono comportate bene sia le soft che le medie. Dietro invece chi è partito con la media ha dovuto fermarsi per montare la morbida, perché non funzionava oggi».

 

Leggi anche -> MotoGP Valencia, FP2: tempi e classifica finale

Matteo Bellan