Formula 1, Valtteri Bottas: “Nessun segreto con Hamilton”

0
117
Lewis Hamilton e Sebastian Vettel
Lewis Hamilton e Sebastian Vettel (©Getty Images)

Formula 1, Valtteri Bottas: “Nessun segreto con Hamilton”

Valtteri Bottas si è rivelata un’ottima spalla per il campione del mondo Lewis Hamilton, riuscendo a creare tutt’altra atmosfera rispetto ai tempi di Nico Rosberg, con cui Mercedes si era impantanata in una sfida al limite per anni.

Lewis Hamilton non è diventato campione del mondo cinque volte per caso. Se tutto sembra filare per il verso giusto è anche vero che al momento è imbattibile. Se ha una giornata mediocre è ancora sul podio. Nelle brutte giornate sa trarre sempre il massimo risultato, al contrario degli altri piloti del Circus.

Nico Rosberg ha mostrato a Mercedes come battere Hamilton: con tenacia, velocità, forza mentale. Ha avuto un po’ di fortuna nel 2016 per sconfiggere Hamilton, ma ha distillato il meglio delle sue possibilità. A tal proposito Valtteri Bottas ha sentenziato: “Se Rosberg può battere Hamilton, allora devo essere in grado di farlo anch’io… Ho visto la rivalità tra Hamilton e Rosberg… Non posso giudicare la loro relazione nei dettagli. Da parte mia, posso solo dire: sto bene con Lewis. Certo che è un osso duro, dopo tutto, Hamilton è uno dei migliori piloti della storia della Formula 1”. (Per tutte le notizie di Formula 1 LEGGI QUI)

Mercedes dirà addio a Bottas nel 2020?

Il finlandese, in attesa di tempi migliori, sventola lo spirito di squadra come punto di forza: “Non voglio darmi alcun alloro. Ma credo che un sano spirito di squadra sia importante. Penso che il mio approccio sia normale. Tutto è trasparente, i colloqui con Lewis sono molto aperti. Parliamo di come possiamo migliorare il tuning dell’auto tutto il tempo. Non ci sono segreti”.

Bottas è fuori contratto per il 2020 e molti vedono il giovane Esteban Ocon al suo posto. Soprattutto perché il finlandese non ha ancora vinto nella stagione 2018, non è stato in grado di vincere da Abu Dhabi nel 2017. Questo spinge Bottas da parte. “Sono abituato a non sapere cosa succederà il prossimo anno. La pressione rimane la stessa. Devo vincere delle gare, il resto arriverà da solo… Non è facile essere al comando in F1. Lewis lo ha fatto per anni, anche se gli altri piloti sono affamati di vittoria. Ho un grande rispetto per i suoi risultati. Sarebbe stupido non imparare il più possibile da lui, stile di guida, messa a punto, conoscenza del percorso… sto guardando molto da vicino”.