Savadori, niente Superbike: correrà in MotoE. Fores nel BSB?

fausto gresini lorenzo savadori (1)
Fausto Gresini e Lorenzo Savadori

Savadori, niente Superbike: correrà in MotoE. Fores verso il BSB?

Lorenzo Savadori non correrà nel campionato mondiale Superbike nel 2019. Nonostante il tempo passato a sperare di trovare una sella per rimanerci, ha dovuto arrendersi. Tuttavia, oggi è stato ufficializzato il suo futuro.

Infatti, Fausto Gresini ha annunciato che il pilota 25enne correrà con il suo team nel campionato MotoE. Il manager italiano, già coinvolto in Moto3 e MotoGP, schiererà due moto anche nella categoria delle due ruote elettriche. L’altra sarà affidata a Matteo Ferrari, campione Superstock 1000 FIM Cup 2015. I primi test si terranno a Jerez de la Frontera dal 23 al 25 novembre.

Un vero peccato che Savadori non abbia trovato una sella nel WorldSBK, ma ha solo 25 anni e può sperare di tornarci in futuro. Intanto ha di fronte una nuova esperienza in MotoE con il Team Trentino Gresini. La sua storia recente lo ha visto laurearsi campione nella Superstock 1000 con l’Aprilia nel 2015, dopo cinque anni trascorsi nella categoria. Poi con la casa di Noale è approdato in Superbike, dove in tre stagioni non è mai salito sul podio e quella di esordio è risultata la migliore. Del potenziale si è intravisto, però il materiale tecnico a disposizione non è stato il migliore e ciò ha influito. Anche qualche suo errore, ovviamente, gli ha impedito di ottenere di più.

Un altro che nel 2019 dovrebbe non correre nel WSBK è Xavi Fores, lasciato a piedi da Barni Racing e da Ducati. Sembra difficile che riesca a trovare una sistemazione per rimanere nella categoria. Il suo futuro potrebbe essere nel BSB (British Superbike). Il pilota spagnolo tramite Twitter ha confermato che l’idea gli piace: «Non è un segreto che mi piacerebbe da molto tempo andare nel campionato BSB. Diverso, stimolanti e con tantissimi fan intorno alle piste». Vedremo se troverà un team per il quale correre. Anche Loris Baz e Eugene Laverty per adesso sono senza moto.

 

Matteo Bellan