MotoGP, ufficiale: Casey Stoner dice addio alla Ducati

0
454
Casey Stoner
Casey Stoner (Getty Images)

MotoGP, ufficiale: Casey Stoner dice addio alla Ducati

Dopo mesi di preannunci e indiscrezioni arriva la notizia ufficiale: Casey Stoner dal prossimo anno non sarà più collaudatore del Ducati Team al fianco di Michele Pirro. L’ex campione australiano ha deciso di ritirarsi definitivamente a vita privata dopo il precedente addio alle corse alla fine della stagione 2012 conclusa con il terzo posto in sella alla Honda (per tutte le info su Ducati LEGGI QUI).

Quest’anno Stoner si era intravisto solo una volta in pista per il test invernale a Sepang, poi un intervento chirurgico lo ha definitivamente allontanato. E adesso l’annuncio ufficiale. “Voglio ringraziare la Ducati per i bei ricordi e soprattutto il supporto e l’entusiasmo dei tifosi Ducati per la nostra comune passione per le corse e il motociclismo, lo ricorderò sempre”, ha detto Stoner. “Negli ultimi tre anni mi sono davvero divertito a fare il mio lavoro con il team di collaudatori, gli ingegneri e i tecnici, mentre lavoravamo per migliorare il pacchetto Desmosedici GP e sinceramente desidero augurare al team tutto il meglio per i loro sforzi futuri.”

A monte della sua scelta probabilmente qualche disguidi con i vertici di Borgo Panigale che, a suo dire, non avrebbero preso in seria considerazione i suoi feedback. “Casey è e resterà sempre nei cuori di Ducatisti ed è anche per loro che lo ringraziamo per l’importante collaborazione che ci ha offerto negli ultimi tre anni”, ha dichiarato Claudio Domenicali, CEO di Ducati Motor Holding SpA. “Le sue indicazioni tecniche e suggerimenti, insieme al lavoro e al feedback dei piloti ufficiali e di Michele Pirro , hanno contribuito a rendere la Desmosedici GP una delle moto più competitive sulla griglia, e il suo consiglio per lo sviluppo delle nostre bici di produzione ha stato altrettanto prezioso e utile. La Ducati e i suoi numerosi fan desiderano offrire i loro sinceri ringraziamenti e i loro migliori auguri a Casey e alla sua famiglia per un futuro sereno e felice.”