In Brasile insulti e spinte tra Verstappen e Ocon (VIDEO)

Esteban Ocon e Max Verstappen (©Getty Images)

F1 | In Brasile insulti e spinte tra Verstappen e Ocon

In un GP di Interlagos già abbastanza movimentato, non poteva mancare lui, Max Verstappen, ovvero il pilota che più di tutti gli altri è assiduo degli episodi al limite. Questa volta, però, non in veste di “carnefice”, bensì di vittima.

Tutto è accaduto al giro 43 quando Esteban Ocon, deciso a sdoppiarsi, ha tentato un sorpasso azzardato sull’olandese della Red Bull, in quel momento al vertice, finendo per toccarlo e mandarlo in testacoda vanificando le sue chance di vittoria.

Apriti cielo, ovviamente. Già abbastanza alterato nel team radio alla bandiera scacchi che lo ha visto giungere secondo alle spalle di Lewis Hamilton, Mad Max non ha frenato i suoi istinti quando è arrivato al parco chiuso ha aggredito verbalmente e fisicamente il francese della Force India.

Des images qu’on aime pas voir en F1. #F1 #BrazilGP pic.twitter.com/TTtzvd8SWx

— Maxime. (@MaximeB123) 11 novembre 2018

Mi trovavo molto bene al volante, avevo ottime sensazioni, stavo facendo una gara perfetta e per colpa di un’idiota sono stato buttato fuori. Un’idiota che tra l’altro era  doppiato“, la rabbia del 21enne al microfono di Paul di Resta.

Per sapere com’è andato il GP del Brasile LEGGI QUI

Io sono uscito dai box dietro a Max e avevo un gran passo. Nel primo giro sono rimasto bloccato dietro di lui ed ero molto più veloce, quindi la squadra mi ha detto di provare a sdoppiarmi se potevo farlo. Dunque, sono andato all’esterno con una manovra che aveva funzionato con altri. Soltanto con lui ci siamo toccati” , si è giustificato  Esteban, sanzionato con uno stop & go di 10″, a Sky Sport F1. “La cosa peggiore però è stata il suo comportamento quando siamo arrivati alla pesa. Mi ha spinto e ha provato anche a darmi un cazzotto. La FIA ha dovuto fermarlo, quindi non è sicuramente un comportamento da professionista. E da anni che va avanti così tra di noi”, ha concluso facendo un velato riferimento  ai precedenti testa a testa infuocati in epoca kart.

Intanto entrambi sono stati convocati in direzione gara proprio per chiarire le circostanze della rissa. Verstappen sarebbe a rischio penalizzazione per danni all’immagine della F1.

Chiara Rainis