La FIA mette sotto indagine la Mercedes W09

Mercedes (©Getty Images)

Pur avendo un vantaggio di tranquillità in entrambe le classifiche generali, la Mercedes avrebbe deciso di sfidare le regole e trovare un escamotage per andare ancora più forte.

Sulla W09 avrebbero fatto la loro comparsa dei fori nei cerchi e nel mozzo per evitare il surriscaldamento delle gomme posteriori. Un provvedimento aerodinamico contrario ai dettami della FIA che già aveva costretto la Red Bull a tornare sui propri passi nel 2012.

La Rossa non ci sta

Sotto la lente d’ingrandimento sin dall’inizio della stagione a causa di un incredibile recupero sulla scuderia di Stoccarda, tra un sospettoso fumo quando partiva e i diversi copri telecamera, la Ferrari ha colto la palla al balzo per farsi sentire. A quanto pare
da Maranello sarebbe partita una lettera per chiedere spiegazioni tecniche ai federali circa il presunto uso da parte delle Frecce d’Argento proprio di mozzo e cerchio posteriore forati, utili per estrarre calore più facilmente dalle coperture ed evitare quei surriscaldamenti dell’asse posteriore che avevano tanto disturbato la vettura tedesca e poi all’improvviso, nella fattispecie da Singapore, scomparsi.

Buone nuove da Lauda

Mentre la sua squadra continua a lavorare per stracciare la concorrenza, Niki Lauda persevera nella sua battaglia per la ripresa fisica. In terapia intensiva da luglio a seguito di un trapianto di polmone, l’ex pilota e attuale spalla di Toto Wolff alla dirigenza Mercedes, sembra essere sulla via del recupero.

“Sta facendo progressi”, ha rivelato un amico del 69enne. “In realtà potrebbe già lasciare l’ospedale di Vienna, ma a causa dell’immobilità prolungata ha perso tutta la muscolatura e non riesce a stare in piedi da solo. Dunque solamente una volta recuperato da questo punto di vista potrà andare in un centro. Secondo la moglie Birgit potrebbe succedere tra fine ottobre e inizio novembre. Ad ogni modo riesce a telefonare e guarda sempre le gara di F1 in tv”.

Chiara Rainis

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.