Nessuno degli inservienti scava la fossa al cimitero, ci pensa il genero

cimitero
Spiacevole equivoco avvenuto al cimitero

Una situazione assai spiacevole ha reso ancora più amaro il lutto di una famiglia. Alla fine serve un intervento tanto inaspettato quanto deciso.

È davvero grottesco quanto andato in scena in provincia di Belluno qualche giorno fa. Una famiglia si è trovata davanti alla terribile situazione di dover affrontare un lutto. Era venuta a mancare la madre di una donna. Purtroppo però al cimitero locale, nel comune di Selce, non era stato possibile procedere con la sepoltura della bara. Appena prima si era tenuto regolarmente il funerale della cara estinta, la 79enne Bruna Rossa. Purtroppo però la fossa al cimitero non era ancora stata preparata e nessuno dei presenti voleva attivarsi per procedere con la preparazione della stessa. Motivo del rifiuto ad imbracciare pale e vanghe era il timore che si potesse rompere un sacco di ghiaia posto proprio dove si sarebbe dovuta trovare la buca.

Tragicomico episodio al cimitero, serve un intervento deciso

L’alternativa per i parenti della defunta era quella di lasciare la bara all’interno della chiesetta presente nel cimitero per due giorni, fino a lunedì, quando di solito riprendono le consuete operazioni. Ma l’idea non è piaciuta ai familiari. Ed il marito della donna che aveva perso la mamma è intervenuto in prima persona, mettendosi a scavare e rompendo anche quel famigerato sacco. Alla stampa locale l’uomo ha dichiarato: “Non potevamo andarcene a casa con mia moglie affranta per la sua perdita e senza aver dato una degna sepoltura a sua madre”. E probabilmente tutti noi al suo posto avremmo fatto lo stesso.

LEGGI ANCHE –> Malattia degli sportivi, scoperto il gene responsabile della morte

Segui le nostre notizie anche su Google news.