Targa auto, la storia della sua nascita e le curiosità

Targa auto
Targa auto (photo dal web)

Al mondo d’oggi avere la targa sulla propria auto è necessario come avere qualsiasi altro componente della vettura. Guidare senza sarebbe illegale e ci si troverebbe di fronte a salatissime sanzioni. Come e quando è stata introdotto la targa nel mondo delle vetture? L’automobile è stata inventata in Europa e le prime invenzioni collegate al mondo delle vetture sono arrivate proprio nel nostro continente. Se la Germania ha dalla sua l’invenzione dell’automobile, è la Francia che ha dato il via alla nascita delle targhe. Verso la fine del 1890 infatti il numero di vetture in circolazione in strada era aumentato in maniera decisa ed in Francia si sentì la necessità di poter riconoscere in maniera velocemente un’auto dall’altra. I francesi iniziarono quindi a lavorare per risolvere il problema e con l’ordinanza del 1893 della Polizia di Parigi arrivò la nascita della targa.

Le curiosità sulla nascita della targa per auto

Tre anni dopo anche la Germania seguì l’esempio francese con l’Olanda che nel 1898 fu la prima nazione ad avere proprio una regolamentazione nazionale in fatto di targhe. Negli Stati Uniti l’inserimento del riconoscimento delle vetture tramite targhe arrivò nel 1901 mettendo le iniziali del proprietario sul retro dell’auto. Ci fu poi nel 1903 l’inizio della stampa di numeri neri su sfondo bianco. Dagli anni ’50 abbiamo iniziato ad avere regolamentazioni standard anche su quelle che sono le dimensioni delle targhe che differiscono a seconda del posto dove ci si trova. In Europa la maggior parte delle lastre utilizzate sono da 520 x 110 mm o 520 x 120 mm. Negli Stati Uniti o nelle Americhe in generale, si hanno targhe per la maggior parte di dimensioni 305 per 152 mm. Chiudiamo poi con l’Asia dove le misure standard sono da 372 x 135 mm.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.