F1, come sta Niki Lauda dopo il trapianto dei polmoni

Niki Lauda
Niki Lauda (©Getty Images)

F1, come sta Niki Lauda dopo il trapianto dei polmoni

Buone notizie da Vienna: Niki Lauda è “medicalmente stabile”, secondo il portale austriaco di notizie “oe24”. Dopo il trapianto polmonare eseguito ad inizio agosto le condizioni di salute sono migliori, il corpo ha accettato il nuovo polmone. Gli organi funzionano, Lauda può parlare facilmente e recentemente può allontanarsi per una breve passeggiata dall’unità di terapia intensiva.

Dopo più di due mesi di terapia intensiva dovrebbe presto iniziare la riabilitazione. I muscoli indeboliti sono già ricostruiti dal lavoro quotidiano con i fisioterapisti. Da un punto di vista medico, Lauda può lasciare l’AKH nelle prossime settimane. Di conseguenza il presidente non esecutivo della Mercedes potrebbe essere trasferito in una clinica di riabilitazione, probabilmente agli inizi di novembre.

In Formula 1 manca Lauda. Circa quattro settimane fa, il direttore della Mercedes Motorsport Toto Wolff ha fatto visita al tre volte campione del mondo. “Non c’è alcuna differenza. Neanche lui ha perso il suo umorismo secco “, ha detto Wolff elogiando il suo connazionale: “Ha così  tanta forza, è un combattente fenomenale e sono davvero convinto che Niki tornerà ai box con noi “.

Walter Klepetko, capo della chirurgia toracica presso l’ospedale generale di Vienna, aveva dichiarato all’inizio di agosto immediatamente dopo la procedura: “Le attività future del signor Lauda non dovrebbero differire significativamente da prima. Ma la salita è aperta. La situazione di Mr. Lauda è tale che ci aspettiamo che ritorni a una vita normale se tutto procede come previsto. Se raggiungiamo l’obiettivo al 100 percento, ce lo mostrerà il tempo”. Il trapianto dei polmoni è una conseguenza dell’incidente di fuoco nel 1976 al Nurburgring.

Resta sempre aggiornato con le nostre ultimissime news di motori e altro su Google News.