Christian Gabarrini e Jorge Lorenzo
Getty Images

MotoGP, Christian Gabarrini: “Titolo a Jorge Lorenzo? Tutto può succedere”

Jorge Lorenzo ha già vinto tre volte con Ducati nel 2018. Il suo capo squadra Christian Gabarrini ha parlato delle poche debolezze della Ducati e della piccola possibilità che possa vincere il titolo mondiale. Dopo il secondo posto a Brno e la vittoria a Spielberg ha dimostrato che in ogni gara può essere al vertice. Lorenzo e il suo capo dell’equipaggio Christian Gabarrini hanno dovuto lavorare sodo e ricevere molte critiche fino al successo.

I passi avanti dal Mugello in poi hanno praticamente rivoluzionato il feeling tra il maiorchino e la GP18. “Certo, la Ducati è molto più competitiva rispetto al passato. C’erano tracciati come il Sachsenring o Assen dove la Ducati era nei guai. Ora possiamo lottare per almeno un podio su ogni pista. La moto è migliorata molto”, ha sottolineato il capotecnico a Speedweek.com.

I piloti Ducati continuano a lamentarsi solo della svolta, motivo per cui un telaio con componenti in carbonio è già stato testato. Un aggiornamento da prendere con le pinze perché la Desmosedici potrebbe perdere qualcosa in accelerazione e stabilità. “Questo non deve sempre essere il caso. Ma sì, perdi qualcosa per migliorare la svolta. Ma può essere solo una questione di minore stabilità”.

Ad Assen Lorenzo e Dovizioso hanno riscontrato grossi problemi con l’usura della gomma posteriore. “Può succedere, questo è stato sicuramente il nostro più grande problema ad Assen. La più grande differenza qui la fa il pilota attraverso la sua gestione dell’acceleratore. Abbiamo due piloti molto intelligenti e forti. Quindi non abbiamo bisogno di grandi cambiamenti, ma ovviamente dobbiamo aiutarli con l’impostazione della moto e dell’elettronica”.

La svolta di Jorge Lorenzo e il sogno impossibile

Perché Lorenzo ha avuto problemi nelle fasi di frenata all’inizio della stagione ed è stato impotente alla fine della gara? Il suo allenamento fisico non era sufficiente? “È molto difficile giudicare perché non sono un allenatore. Penso che Jorge sia molto in forma e molto ben allenato – ha aggiunto Christian Gabarrini -. Dipende anche dallo stile di guida. Ed è fondamentale se sei abituato a fare la differenza in frenata o in curva. Se devi cambiare il tuo stile di guida, devi superare alcuni punti critici”.

Jorge Lorenzo è diviso da Marc Marquez da 71 punti in classifica e fino a quando l’aritmetica non darà la sentenza definitiva nel box del maiorchino si nutre qualche piccola speranza. “Ci sono ancora alcune gare da disputare. Tutto può succedere in una Coppa del Mondo. Facciamo del nostro meglio in ogni singola gara. Alla fine, vedremo cosa verrà fuori”.

Segui le nostre notizie anche su Google news