Circuito di Jerez

MotoGP | Silverstone-fobia! Il circuito di Jerez sarà riasfaltato

Nel bel mezzo della polemica per i problemi con il drenaggio del nuovo asfalto di Silverstone durante il passato GP della Gran Bretagna, che è stato annullato, il circuito di Jerez annuncia nuovi lavori. Nel luglio 2017 la pista andalusa ha subito lavori di rifacimento del manto e solo un anno più tardi interverrà nuovamente per correggere le carenze sul tracciato già rilevate durante l’ultimo Gran Premio di Spagna.

Il tema della “ripavimentazione” è diventato uno dei cavalli di battaglia del Campionato del Mondo MotoGP. Ci sono pochi circuiti che hanno subito questo processo negli ultimi mesi: Sepang, Austria, Barcellona, Silverstone e anche Jerez l’anno scorso. Sebbene la maggior parte di queste modifiche sia terminata con successo, la verità è che il lavoro di Sepang ha creato molte controversie in quanto il layout ha perso la tradizionale presa sul bagnato e i sistemi di evacuazione dell’acqua sulla pista sono stati danneggiati.

Ma senza dubbio, lo scandalo è arrivato con il rifacimento di Silverstone, a pochi mesi di distanza dai lavori svolti con una certa superficialità che adesso sarà oggetto di investigazione. Il Circuito de Jerez è stato fortemente criticato nel 2016 dai piloti, aveva perso grip e l’usura dell’asfalto ha trasformato il circuito andaluso in una pista di pattinaggio. I responsabili hanno intrapreso gli inevitabili lavori di rifacimento nel luglio dello scorso anno e in questa stagione il Gran Premio di Spagna è passato con buoni voti. Nessuna critica ufficiale da parte dei piloti, ma l’asfalto presenta alcune crepe in alcuni tratti di pista,

La FIM ha avvertito, il mese scorso, i responsabili del layout di questo deterioramento, incoraggiandoli a correggere il danno per la prossima stagione, riporta il ‘Diario de Jerez’. I gestori dell’autodromo hanno assicurato che il prossimo ottobre verrà effettuato un nuovo lavoro di riasfaltatura, giusto in tempo per poter effettuare i test invernali di MotoGP a fine novembre. Quest’ultimo intervento avrà un costo di 400.000 euro da aggiungere agli 835.000 spesi nel 2017.