Andrea Dovizioso: “Vicinissimo ad essere compagno di Marquez”

Il rider italiano chiarisce il suo no alla HRC

Andrea Dovizioso (Getty Images)

MotoGP | Andrea Dovizioso: “Vicinissimo ad essere compagno di Marquez”

Andrea Dovizioso nell’ultimo anno è stato spesso accostato alla Honda ed ora finalmente in una lunga intervista ha chiarito la sua posizione in riferimento a quanto accaduto questo inverno durante le trattative di mercato.

Come riportato da “As”, Andrea Dovizioso ha così raccontato della sua vittoria più bella: “Ci sono molti successi con un significato per me. Malesia 2016 è stata importante perché era la prima in Ducati e poi Mugello 2017 perché sono stato veloce sull’asciutto. Poi è arrivata Barcellona 2017, una vittoria di testa e di strategia”.

Dovizioso amato dai tifosi italiani

Il rider della Ducati ha poi parlato di Lorenzo: “Ci sono sempre pro e contro quando c’è un campione nel box come Jorge o come Valentino, Marquez o Maverick. Di favorevole c’è che hai un pilota che ha vinto e puoi vedere come fa per farlo. Non si tratta di copiarlo, perché sarebbe un errore, ma di tenere conto di dati che se utilizzati possono essere molto utili. Di contro c’è il fatto che ci sono alcune cose che fa che non riesci a fare, non perché è più forte, ma perché ha uno stile diverso”.

Andrea Dovizioso ha poi continuato: “Quest’anno mi ha fatto sentire in una situazione di tensione Jorge, è normale, sarebbe stupido dire il contrario. Se c’è uno come lui nel box devi cercare di prendere il controllo. La relazione tra Lorenzo e Marquez in Honda dipenderà da quanto sarà veloce Jorge. Andare in HRC ha pro e contro. Vai su una moto veloce, ma nel box di Marc. C’è mancato poco che fossi io il compagno di Marquez“.

Il pilota italiano ha anche parlato delle motivazioni che lo hanno spinto a non accettare la proposta HRC: “Sono da anni in Ducati e se penso a dove eravamo all’inizio e dove siamo ora è grandioso, abbiamo avuto una grande evoluzione. Non ho corso contro Valentino quando vinceva costantemente e non posso dire che Marquez sia il più forte. Poi è sbagliato fare confronti in epoche diverse. Marc al momento è il più completo, ma non ho vissuto il miglior Rossi e non posso giudicare”.

Infine Andrea Dovizioso ha raccontato del suo rapporto con i tifosi italiani e dell’eterna ombra incombente di Rossi: “Valentino è Valentino e sarà sempre così giustamente, ma ora è diverso, ho vinto l’amore e il rispetto della gente in Italia. Ora le persone mi vedono con occhi diversi e questa per me è una grande vittoria a livello personale, non sportiva”.

Antonio Russo