Miracolo Force India, dal fallimento a terza in qualifica

Esteban Ocon, Force India (Getty Images)

F1 | Miracolo Force India, dal fallimento a terza in qualifica

E’ davvero una bella storia quella vissuta dalla Force India nelle ultime settimane. Fallita all’improvviso e senza avvisaglie almeno in pubblico dopo il GP di Silverstone, la scuderia di Vijay Mallya è stata salvata al volo da una cordata capitanata da Lawrence Stroll, ma a causa della burocrazia si è trovata costretta, se voleva ancora prendere parte a campionato 2018, a cambiare nome e a rinunciare a tutti e 59 i punti costruttori conquistati fino all’Ungheria.

Così, in Belgio, alla prima occasione disponibile, anziché piangersi addosso si è rimboccata le maniche e neppure fosse stata aiutata dalla magia, è riuscita in un’impresa quasi impossibile per i suoi standard attuali. Quella di chiudere al terzo posto le qualifiche di  una Spa resa insidiosa dalla pioggia intermittente, grazie ad un Esteban Ocon che oggi trema in quanto molto probabilmente sostituito nel 2019 dal figlio nel neo patron Lance Stroll.

E’ un risultato fantastico“, ha dichiarato entusiasta il francese alla fine della sessione. “Terzi dopo una marea di difficoltà interni team, come ben sapete. Chiaramente non me l’aspettavo, ma i ragazzi al box hanno cambiato velocemente le gomme e ho potuto completare un giro pulito. Sono piuttosto emozionato, in corsa cercheremo di sfruttare al meglio questa posizione di partenza”.

Chiara Rainis