MotoGP, ufficiale: Morbidelli e Quartararo col team Petronas Yamaha SIC

Franco Morbidelli Fabio Quartararo
Franco Morbidelli e Fabio Quartararo (©Getty Images)

Dopo il divorzio da Tech3 di Hervé Poncharal, si è discusso a lungo su quale sarebbe stato il nuovo team satellite Yamaha in MotoGP dal 2019. Sono state fatte più ipotesi e alla fine sarà Petronas SIC la struttura cliente che verrà supportata dalla casa di Iwata.

La squadra malese è già presente nel Motomondiale in Moto2 e in Moto3, dal prossimo anno sarà pure nella classe regina. I nomi dei piloti erano ormai noti da settimane, però solamente ieri c’è stata l’ufficialità. Saranno Franco Morbidelli e Fabio Quartararo i rider a salire sulle due M1. Per il ‘Morbido’ seconda stagione in MotoGP, mentre per il francese sarà un esordio.

MotoGP, Petronas Yamaha SIC ufficializza Morbidelli e Quartararo

Il team manager sarà Wilco Zeelenberg, che in questi anni ha lavorato nella squadra ufficiale Movistar. Ramon Forcada sarà il capo-tecnico di Franco Morbidelli, al quale sarà affidata una Yamaha M1 che in partenza sarà uguale a quella di Valentino Rossi e Maverick Vinales. L’ingegnere spagnolo ha grande esperienza in MotoGP, ha lavorato con Jorge Lorenzo per tante stagioni e nelle ultime ha affiancato proprio Vinales. Può aiutare molto il campione del mondo Moto2 del 2017. Per il rookie Fabio Quartararo ci sarà una M1 versione 2018.

Morbidelli ha dichiarato: “Sono davvero felice di aver firmato con il nuovo Petronas Yamaha Sepang Racing Team per il 2019, è una grande opportunità per me. Voglio ringraziare Gianluca Falcioni, VR46, Johan Stigefelt, Wilco Zeelenberg e Lin Jarvis, che mi hanno aiutato in questa nuova avventura per il 2019. È bello aver organizzato la prossima stagione, così da poter continuare a concentrarmi su quest’anno. Devo ancora impegnarmi diventare il miglior pilota possibile in questa stagione. Devo continuare ad imparare da ogni situazione che affronto, per essere pronto e ben preparato per il prossimo anno.”.

Il pilota romano sta affrontando una stagione non semplice in sella a una Honda del team Marc VDS che non riceve praticamente aggiornamenti e con la quale è complicato essere competitivi. Sta facendo del suo meglio e questa esperienza gli sarà utile per il 2019, quando la situazione sarà migliore e il supporto di Yamaha nei suoi confronti si farà sentire.

Matteo Bellan