Asteroide sfiorerà la Terra: l’incontro ravvicinato avverrà tra una settimana

asteroide
L’asteroide 2016 NF23 è sotto osservazione dalla NASA: tra pochi giorni ci sfiorerà

Un asteroide di dimensioni importanti arriverà ad una distanza esigua dal nostro pianeta la prossima settimana. La NASA monitora l’oggetto.

La prossima settimana la Terra dovrebbe essere coinvolta in un incontro ravvicinato con un corpo celeste. Si tratta di un asteroide che viaggia nello spazio a circa 32mila km/h. Gli astronomi lo hanno catalogato nell’elenco degli oggetti vaganti siderali con il nome di 2016 NF23 e la sua grandezza si estende tra i 70 ed i 160 metri. È grande in media quanto un campo di calcio insomma, ed il prossimo 29 agosto viaggerà ad una distanza di meno di 5 milioni di chilometri dal nostro pianeta. Se pensate che tale misura possa risultare grande abbastanza da fornire le giuste rassicurazioni, siete in errore. In realtà, nella scala cosmica, si tratta praticamente di un niente. L’asteroide sarà lontano appena poco più di tre volte la distanza tra la Terra ed il Sole. La NASA sta tenendo d’occhio 2016 NF23 seguendone il percorso con le sue apparecchiature, dopo averlo inserito all’interno del NEOs.

Asteroide in arrivo a poca distanza da noi

Si tratta dell’archivio che ingloba gli oggetti dallo spazio che per l’appunto si contraddistinguono per una distanza ritenuta potenzialmente pericolosa con il nostro pianeta. Di ‘viaggiatori dello spazio’ come l’asteroide 2016 NF23 ce ne sono a migliaia, se non milioni. Alcuni provengono dalla Nube di Oort, una vastissima ‘bolla’ all’interno della quale è racchiuso il nostro sistema solare, e che si estende per svariati milioni di chilometri. In questo caso si tratta nello specifico delle comete, che si differenziano dagli asteroidi per il fatto di essere inscritte in una orbita attorno al sole vasta anche migliaia e migliaia di anni. Gli asteroidi invece arrivano dallo spazio profondo, non hanno alcun legame orbitale con nessun corpo celeste e quando passano non li rivedremo mai più. In questo periodo intanto il cielo continua ad essere illuminato dai meteoriti, di notte. Un caso davvero eclatante in tal senso è avvenuto la scorsa settimana ed è stato osservato in diverse zone d’Italia.