Ermal Meta, il gesto di solidarietà per le vittime del Ponte Morandi

Ermal Meta
(websource)
Domani, mercoledì 22 agosto, Ermal Meta si esibirà per un’altra tappa del Non abbiamo armi tour. Il concerto si terrà ad Alasso, un comune ligure in provincia di Savona, e in occasione della vicinanza alle persone colpite dal dramma del crollo del Ponte Morandi, il vincitore dell’ultimo Sanremo ha deciso di devolvere tutto il ricavato del concerto alla popolazione genovese.

Già il giorno del crollo, l’artista si era esposto sull’accaduto con un post su facebook, riuscendo come sempre, con parole intrise di rabbia e di tristezza, a commuovere il suo pubblico: “Lo stato ha l’obbligo morale e civile di occuparsi della nostra sicurezza. Questo significa anche e soprattutto fare manutenzione. Sarò passato centinaia di volte su quel ponte e mi vengono i brividi al pensiero di chi era lì sopra in quel momento
La vera tristezza è che tutto questo aprirà altri dibattiti politici e ci si troverà all’interno di una campagna politica senza fine. Mentre voi parlate e vi rimpallate le colpe qui della gente è morta. Non c’erano i fondi per ristrutturare dice qualcuno. È ridicolo se pensiamo che l’Italia è uno dei paesi più tassati del mondo. 
Tagliate i vitalizi, i privilegi, i milioni buttati in sprechi vergognosi perché vale la pena prevenire catastrofi del genere. Capito?
Vale la pena. È di uomini che parliamo qui, è di vite umane.