Asia Argento, aggredisce sessualmente un minore e paga il suo silenzio

(instagram)

News | Asia Argento, aggredisce sessualmente un minore e paga il suo silenzio

Asia Argento, paladina del #Metoo, in passato aveva accusato il suo produttore Harvey Weinstein per molestie sessuali e dopo anni di lotta sembra essere passata da vittima a carnefice. A rivelarlo è il New York Times, secondo cui l’attrice avrebbe accettato di risarcire con 380 mila dollari Jimmy Bennett, giovane attore statunitense, per fermare l’azione legale contro di lei.

L’aggressione si sarebbe consumata in una camera di albergo di Marina del Rey, in California, quando l’attore aveva appena superato la soglia dei 17 anni. Si erano conosciuti dieci anni prima sul set del film “Ingannevole è il cuore più di ogni altra cosa“, dove lei interpretava il ruolo della madre e lui quello del figlio. I due si erano tenuti in contatto negli anni, mantenendo una relazione che Bennett ha descritto come quella tra una madre e un figlio. Si incontrarono il 9 maggio 2013 in quella camera di albergo dove gli fece bere alcolici, lo spogliò e in seguito gli chiese di scattare una serie di foto insieme. A detta dei suoi legali, l’esperienza gli avrebbe procurato un trauma. Un patteggiamento a fronte di un risarcimento richiesto nella denuncia che sarebbe stato di ben 3,5 milioni di dollari per “aver intenzionalmente inflitto sofferenza emotiva e perdita di stipendio a seguito di un’aggressione sessuale“. Per gli avvocati infatti quanto successo in quell’hotel avrebbe messo a rischio la salute mentale e i guadagni dell’attore.

La prova schiacciante è un selfie

Il New York Times porta a sostegno della sua tesi i documenti degli avvocati di Bennett della Argento che sono stati inviati al giornale da una “fonte non identificata”. Nelle carte ci sarebbe anche un selfie, datato 9 maggio 2013, in cui si vedrebbero Asia Argento e il ragazzo a letto insieme. Come parte dell’accordo, scrive ancora il Nyt, Bennett, che ora ha 22 anni, avrebbe ceduto la fotografia e il copyright alla Argento. La vicenda segna profondamente la carriera dell’attrice, che all’epoca aveva 37 anni.

L’incontro del 9 maggio 2013 è, inoltre, testimoniato da due fotografie pubblicate da Asia Argento sul suo account Instagram. Una è una foto di lei con la didascalia “Sto aspettando con ansia il mio figlio perduto il mio amore @jimmymbennett #marinadelrey fumando sigarette come non ci fosse un domani”, a cui Bennett commentò “Ci sono quasi! 🙂”. La seconda foto, pubblicata più tardi lo stesso giorno sempre da Argento, mostra il volto suo e di Jimmy Bennett, con la didascalia “Giorno più bello della mia vita reunion con @jimmymbennett xox, jimmy sarà nel mio prossimo film e questo è un fatto, preparati jack”.

La seconda foto – insieme ad altre che sembrano essere state scattate tutte lo stesso giorno – è stata inclusa dall’avvocato di Bennett nella lettera del novembre 2017, con cui veniva fatta la prima richiesta di risarcimento ad Argento. Nella lettera viene raccontato che dopo l’incontro con Asia Argento – che terminò con un pranzo insieme – Bennett tornò a casa sentendosi “estremamente confuso, mortificato e disgustato“, e questo spiegherebbe i suoi danni morali e quelli alla carriera. I guadagni dell’attore, infatti, negli ultimi anni sembrano essere crollati a picco a causa del trauma riportato dall’aggressione sessuale da parte di Argento.

Nel 2013, nei mesi successivi all’incontro con Argento, Bennett si ritrovò coinvolto in una battaglia legale anche con i suoi genitori, che lui accusò di avergli rubato circa 1,5 milioni guadagnati durante la sua carriera da bambino di dollari e di averlo cacciato di casa lasciandolo senza soldi. La questione si chiuse nel 2014 con un accordo privato tra le parti. Il New York Times ha, inoltre, trovato un messaggio su Twitter che Bennett mandò ad Argento nel giugno del 2013, circa un mese dopo l’incontro, con scritto “Mi manchi mammina!!!!” e una foto di un braccialetto che l’attrice gli aveva regalato per ricordare il film fatto insieme.

Il risarcimento

Dalle carte risulta che il giovane avrebbe chiesto un risarcimento di 3.5 milioni di dollari. Asia avrebbe accettato di pagare 380mila dollari a Bennett in un anno e mezzo, con un pagamento iniziale di 200mila dollari fatto ad aprile. I giornalisti del Times, si legge ancora sul quotidiano, hanno provato più volte a contattare l’attrice, che non ha voluto rilasciare dichiarazioni. Anche lo stesso Jimmy Bennett non ha accettato alcuna intervista. “Jimmy continuerà a fare quello che ha fatto negli ultimi mesi e anni – ha detto il suo avvocato – concentrandosi sulla sua musica“.

Antonella Panza