Raikkonen contro Rosberg: “Incomprensibile quello che fa”

Kimi Raikkonen (Getty Images)

F1 | Raikkonen contro Rosberg: “Incomprensibile quello che fa”

Mai in polemica con i colleghi anche quando ne avrebbe avuto ben donde soprattutto in passato, ma anche ora che è stato ridotto dalla Ferrari a fare il secondo di Sebastian Vettel,  Kimi Raikkonen si è lasciato andare come un fiume in piena in occasione della presentazione della sua biografia ufficiale dal titolo “The Unknown Kimi Raikkonen”, avvenuta ad Helsinki lo scorso mercoledì.

In particolare Iceman se l’è presa con il lavoro extra pista, quindi la vita da paddock con giornalisti da soddisfare e tifosi da accontentare, e con Nico Rosberg, che al termine della stagione 2016 coronata con il successo iridato aveva dato un addio a sorpresa alla F1 sostenendo di volersi dedicare alla famiglia e di sentirsi ormai appagato, salvo poi ripresentarsi nelle vesti di consulente per Sky Sports Uk e dunque di prezzemolino in ogni GP.

Per quanto mi riguarda non farò alcuna fatica a smettere con questo mestiere“, ha dichiarato il driver di Espoo. “Anzi mi sentirò sollevato quando tutto ciò che non riguarda la guida terminerà. Stare in macchina è meraviglioso, ma il resto per nulla”, ha proseguito nicchiando sul proprio futuro che lo dovrebbe vedere ancora alla Rossa per uno o due campionati ancora.

Di una cosa il 38enne si è voluto dire certo, ossia che non seguirà l’esempio del tedesco della Mercedes, uscito di scena con un gran clamore e poi rientrato in altrettanta pompa magna anche se in un ruolo differente.

“Quando ha spiegato perché smetteva mi era sembrato grande quanto stava facendo e lo capivo. Adesso però è davanti ad un microfono e non ne comprendo le motivazioni viste le ragioni che aveva espresso al momento del ritiro“, ha argomentato svelando infine qualcosa di sé. “Finita la carriera di pilota mi piacerebbe sviluppare un’auto. Stare nel backstage, non più in pubblico. Sicuramente non mi vedrete commentare per la tv!”.

Chiara Rainis