Botta e risposta Ferrari-Mercedes. Arrivabene: “Dovrebbe vergognarsi”

Maurizio Arrivabene
©Getty Images

F1 Silverstone | Botta e risposta Ferrari-Mercedes. Maurizio Arrivabene: “Dovrebbe vergognarsi”. Toto Wolff risponde: “Era uno scherzo”.

Il boss del team Ferrari, Maurizio Arrivabene, ha difeso a spada tratta i suoi due alfieri Kimi Raikkonen, dopo l’incidente con Lewis Hamilton, e Sebastian Vettel, autore di una vittoria meritata seppur molto discussa. Il pilota tedesco, nonostante un problema al collo, ha approfittato di una debole partenza del poleman per prendere il comando. Verso la fine della gara ha combattuto ancora una volta contro Valtteri Bottas e finalmente è stato in grado di festeggiare la sua quarta vittoria stagionale. “Per la Formula 1, una gara del genere con questi combattimenti su una pista spettacolare come questa va bene. Non è solo positivo per la Ferrari perché abbiamo vinto. Penso che l’intero sport ne tragga beneficio”, ha ammesso il team principal.

E guardando il suo protetto da Heppenheim, Arrivabene ha detto con soddisfazione: “Oggi Sebastian ha combattuto come un leone. E’ stato tutt’altro che facile trionfare su questa pista dove Mercedes, Red Bull Racing, Force India e Williams sono a casa. Devi essere incredibilmente forte se vuoi prevalere qui – anche per il pubblico, che è ovviamente a favore dell’eroe locale Lewis Hamilton, proprio come gli spettatori di Monza tengono le dita incrociate”.

Botta e risposta Ferrari-Mercedes

E’ stata una vittoria assai discussa e contornata da botta e risposta tra Arrivabene e Wolff. Il boss del Cavallino ai microfoni di Sky si lascia andare: “Se veramente Allison ha detto una cosa del genere (incompetenti, ndr) dovrebbe vergognarsi, nel senso che ha lavorato molti anni con noi, ha portato via da Maranello anche due lire… Oggi sta facendo il suo lavoro, bisogna essere eleganti e saper perdere, soprattutto perché siamo qua in Inghilterra. Loro a volte vogliono insegnarci a essere dei gentlemen, cominci lui per primo”.

La risposta arriva da Toto Wolff che ha parlato di scherzo e incomprensione. A quel punto Maurizio Arrivabene getta acqua sul fuoco: “Se era uno scherzo è ok, ci mettiamo tutti a ridere. Se non lo era, allora vale tutto quello che ho detto prima. Riguardo l’incidente della Francia, non è stato quello che ha penalizzato la Mercedes ma sono stati i loro due ritiri. Noi sappiamo già come fare, di batoste ne abbiamo prese in questi anni. Sai, quando non sei abituato a prendere batoste, fai fatica a incassarle…”.