Terremoto, in mattinata una scossa scuote Palermo e dintorni

Un terremoto ha fatto tremare la Sicilia questa mattina, con la scossa che è stata avvertita in maniera distinta dalla popolazione.

Questa mattina alle ore 9:11 la Sicilia è stata scossa da un terremoto. L’Isola ha tremato a causa di un movimento tellurico per il quale i sismografi dell’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia hanno stimato una magnitudo pari a 3.7 di intensità. Una scossa di entità medio-forte perfettamente distinguibile da gran parte della popolazione. L’area interessata dal terremoto è quella dove sorge Palermo, assieme ad alcuni centri situati in provincia. L’epicentro individuato dall’INGV è stato presso la località di Polizzi Generosa, ad una profondità di circa 5 km.

Soltanto pochi minuti dopo ha fatto seguito un altro sisma, di magnitudo inferiore. Non ci sarebbe alcun danno a cose o persone, anche se alcuni residenti hanno provato un comprensibile spavento. Altri paesi del circondario all’interno dei quali è stato possibile avvertire il terremoto sono Scillato, Caltavuturo, Sclafani Bagni, Castellana Sicula. Tutti questi luoghi si trovano in provincia di Palermo e sono inscritti in una zona di appena 10 km di distanza dall’epicentro.

Terremoto, qualche giorno fa è successo in Puglia

Palermo è distante 61 km dall’epicentro. Un altro terremoto si era verificato appena qualche giorno fa in pieno Mare Adriatico, alquanto vicino alle coste dell’Albania dove sorgono Durazzo e Tirana. Ma il tutto è stato avvertito anche in Puglia. Si tratta dell’ennesimo terremoto che scuote l’Italia nello specifico. E che è dovuto ai movimenti di una delle faglie che attraversano il nostro Paese sotto terra. Ogni giorno si verificano terremoti di continuo, la maggior parte dei quali di lievissima entità, i cui effetti sono impercettibili. Ed a volte gli spostamenti nel sottosuolo hanno però effetti decisamente più pesanti.