Kimi Raikkonen: “Peccato aver chiuso solo secondo”

Kimi Raikkonen (©Getty Images)


Kimi Raikkonen: “Peccato aver chiuso solo secondo”

Autore di uno start entusiasmante in cui per poco non ha infilato pure il poleman Valtteri Bottas Kimi Raikkonen ha finalmente dato prova di aver perso la velocità che lo ha caratterizzato nei momenti migliore della carriera. Capace di rintuzzare i diversi attacchi delle Red Bull fin quando possibile, il ferrarista è stato aiutato come Sebastian Vettel dal doppio ritiro delle Frecce d’Argento e da quello di Daniel Ricciardo, e alla fine ha tagliato il traguardo in piazza d’onore.

“Il secondo posto è un ottimo risultato per la squadra, ma è davvero un peccato non aver ottenuto di più perché oggi la macchina era molto forte“, ha confidato con rammarico. “Nel finale mi sono avvicinato a Verstappen, è vero, ma sinceramente non so se con un giro in più sarei riuscito a superarlo. La cosa positiva è che la nostra velocità c’era anche se ho sofferto un pochino nella prima parte di stint con gomme soft. Appena hanno iniziato a funzionare come dovevano siamo andati bene. Probabilmente l’hanno fatto un po’ in ritardo”.

“Nel complesso il team porta a casa tanti punti, anche nei confronti della Mercedes che è la nostra principale rivale nella lotta per il titolo costruttori, però con quello che abbiamo dimostrato, dando come sempre il massimo, dà fastidio non aver vinto al Red Bull Ring”, ha concluso con un riferimento alla classifica marche in cui Maranello comanda con 247 punti contro i 237 di Stoccarda.

Per quanto concerne invece la generale piloti, grazie a questa serie continua di top 3 l’iridato 2007 occupa la terza posizione con 101 lunghezze, 45 in meno di Vettel. Insomma, ancora una corsa intelligente da parte del driver di Espoo che certamente metterà in difficoltà Sergio Marchionne & co. per la scelta della formazione 2019 che vede favorito il giovane Charles Leclerc.

Chiara Rainis