GP Austria, Vettel: “Senza penalità avrei vinto”

Sebastian Vettel (©Getty Images)

 

F1| GP Austria, Vettel: “Senza penalità avrei vinto”

dalla sesta piazzola a seguito delle 3 posizioni di penalità ricevute dai commissari dl Red Bull Ring per aver rallentato Carlos Sainz durante la seconda fase delle qualifiche Sebastian Vettel, aiutato anche dai diversi ritiri illustri è riuscito a salire sul podio in gara e a salvare il un weekend che si stava mettendo male.

Terzo al traguardo alle spalle del compagno di squadra Kimi Raikkonen, fortunatamente non istruito a rallentare,  il tedesco si è riappropriato della prima posizione nella generale sppure per appena un punticino nei confronti di Lewis Hamilton.

In partenza sono scattato bene, ma poi alla curva 1 ho dovuto alzare il piede per evitare contatti. Non c’era spazio. E’ stato un casino. Ho perso qualche posizione e poi anche alla curva 3 ho avuto le stesse difficoltà”, ha raccontato Seb  a fine corsa. “Il mio GP si è deciso nello stint iniziale quando ho spinto per cercare di riportarmi alle spalle dei leader. Terzo va bene, certo che senza la penalità sarebbe stato diverso, ma è andata così“.

Per il 30enne molto del risultato è stato merito dell’equipe e della gestione gomme.

“Abbiamo mostrato di avere una grande macchina e pure qui avevamo un ottimo ritmo. Eravamo molto distanti dai primi dopo lo start, ma sono riuscito a recuperare bene”, ha proseguito nell’analisi. “Credo sia stata eccellente anche la strategia. Pur avendo spinto forte ho salvato le coperture. Ho compiuto 50 tornate con le soft e non ho avuto problemi”.

Infine Vettel ha elogiato il vincitore Verstappen.  “Max ha meritato la vittoria, perché è stato veloce e ha amministrato alla perfezione gli pneumatici“, ha riconosciuto. “E’ stato molto bravo anche Kimi, che è riuscito a passare Ricciardo e spinto fino alla fine. Sono contento per i punti portati a casa e per il podio centrato”.

Chiara Rainis