Lorenzo: “Assen non adatto a Ducati, ma ho fiducia”

Jorge Lorenzo(©Getty Images)

Decisamente in palla da quando si è liberato del peso del contratto da firmare per il 2019 Jorge Lorenzo non solo è tornato ad ottenere successi, ma anche ad affrontare le corse con maggior ottimismo. Ecco perché alla vigilia del GP dell’Olanda il #99 ha fatto spallucce davanti ai dati storici che danno la moto di Borgo Panigale in difficoltà sul tracciato di Assen.

Le due vittorie consecutive al Mugello e al Montmelo sono state qualcosa di molto bello e importante. Il campionato però non si ferma e dovremo dimostrare pure nei Paesi Bassi che possiamo essere veloci su tutti i tipi di pista. Forse non sarà il miglior circuito per noi, ma sono convinto che riusciremo ad essere competitivi”, ha considerato lo spagnolo. “Dobbiamo andare avanti gara per gara, consapevoli che ogni round è importante. Per ora non vale la pena focalizzarsi troppo sul titolo. Ciò che conta è lavorare come abbiamo fatto finora e mantenere sempre la stessa fiducia. Per il weekend in arrivo dovremo tenere conto delle condizioni meteo perché il tempo potrà giocare un ruolo importante, come succede quasi ogni anno”.

Lorenzo da mondiale

Se il maiorchino afferma di non pensare alla coppa finale, l’amministratore delegato Ducati Claudio Domenicali ha ammesso di averci fatto un pensierino. “Nel comunicato con cui ho dato il benvenuto a Danilo Petrucci nella squadra, ho augurato a Jorge di vincere, cosa che secondo me è ancora possibile, anche se siamo lontani 49 punti. Alla fine, siamo ben contenti di avere due piloti che tutte le volte che cominciano un weekend puntano a vincere la corsa invece che averne uno solo”.

“Purtroppo ci sono voluti 18 mesi prima che potesse lottare per la prima piazza, per cui abbiamo dovuto prendere una decisione. Per adesso, però, vogliamo arrivare davanti assieme, la prossima stagione invece faremo di tutto per tenerlo dietro e dargli paga”, ha quindi concluso il dirigente della scuderia emiliana.

Chiara Rainis