Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

MotoGP, Marc Marquez resta umile: “Tanti piloti possono ancora lottare per il titolo”

Il campionato MotoGP 2018 nel weekend approda ad Assen per il Gran Premio d’Olanda e Marc Marquez ci arriva da leader della classifica. Sono 27 i punti di vantaggio sul secondo, Valentino Rossi. Mentre altri rivali temibili, soprattutto Andrea Dovizioso e Jorge Lorenzo, sono più distanti.

Mancando ancora molte gare alla fine della stagione, non si può certamente dire che lo spagnolo possa gestire. Deve cercare di attaccare per vincere quando ne ha la possibilità, accontentandosi solamente quando non può andare oltre un certo risultato. Per uno abituato ad andare oltre il limite, non è mai facile chiudere il gas, ma a volte è più saggio piuttosto di finire a terra. I suoi risultati nel circuito considerato la ‘Cattedrale del motociclismo’ sono ottimi e ce lo attendiamo protagonista nel weekend.

MotoGP, Marc Marquez fiducioso per Assen

Marc Marquez ad Assen è sempre andato a podio da quando corre in MotoGP. Tre volte secondo (2013, 2015, 2016), una volta primo (2014) e una volta terzo (2017). Nei due anni in Moto2 due successi e ha vinto in Olanda anche nell’ultimo anno (il 2010) in 125. Si tratta di una pista sulla quale il pilota del team Repsol Honda va forte.

Il campione in carica MotoGP ha rilasciato alcune dichiarazioni con le proprie impressioni in vista del weekend nei Paesi Bassi: «Abbiamo fatto una buona giornata di test in Catalunya, ma Assen è una pista molto diversa rispetto a Montmeló, quindi sarà molto interessante vedere come andremo. Finora siamo stati ad un buon livello più o meno ovunque e siamo riusciti a ottenere buoni risultati su circuiti diversi, quindi siamo convinti di andare bene anche ad Assen. Mi piace la pista, la “Cattedrale” delle corse in moto. Qui i fan sono sempre molto appassionati. È bello arrivare con un piccolo vantaggio nel campionato, ma siamo molto in anticipo nella stagione. Ci sono molti piloti per i quali il titolo è ancora possibile, quindi dobbiamo continuare a lavorare e cercare di ottenere il miglior risultato possibile».

Marquez è sicuramente il pilota più forte del campionato, però con tante gare ancora davanti non può abbassare la guardia. Le due vittorie consecutive di Jorge Lorenzo tra Mugello e Montmelò non gli sono passate inosservate. Il fenomeno di Cervera non è uno che sottovaluta i propri avversari, seppur distanti in classifica. Serve il giusto approccio per essere costantemente tra i primi e non rischiare quegli errori che subentrano quando c’è atteggiamento di sufficienza. Il pilota del team Repsol Honda, però, è un cannibale con sempre tanta voglia di vincere e dunque correrà dando sempre il massimo. Questo è sicuro.

 

Matteo Bellan