Ladro rom colpito da proiettile: maxi risarcimento da 60mila euro

Polizia di Stato
©Getty Images

Lo Stato italiano ha versato sul conto corrente di un rom senza permesso di soggiorno l’importo di 60mila euro: coinvolto in un furto è rimasto semi paralizzato dopo essere stato colpito accidentalmente da un proiettile vagante durante la fuga post furto di un’auto.

E’ la storia di Magaiber Sulejmanovic,nomade 26enne di Torino, raccontata dal Corriere Torino. Un irregolare che vive in uno dei tanti campi rom non regolamentati, con una vita alle spalle dedita ai furti. Il 15 dicembre 2013 aveva rubato una Fiat Punto, ad un posto di blocco non si ferma e durante l’inseguimento un poliziotto spara per forare una delle gomme della Punto ma il proiettile rimbalza e colpisce alla schiena il nomade alla guida. Le lesioni lo hanno reso semi-paralitico, ma nonostante questo due anni dopo era stato visto guidare con le stampelle a bordo di un’altra auto rubata, mentre fuggiva sulla tangenziale.

Per le lesioni alla schiena il poliziotto è stato condannato a nove mesi. A Magaiber, per aver rubato la macchina, erano stati inflitti undici mesi di reclusione, ma suo avvocato ha chiesto un risarcimento al ministero dell’Interno. Il giudice Paola Meroni ha ottenuto immediatamente un’esecutiva da 60mila euro che sono finiti nel suo portafoglio. Al suo avvocato non sono state pagate le spese legali: sono state sottratte per ripianare un debito col fisco di 8mila euro da parte del nomade. Ora il neo ministro Matteo Salvini ha annunciato di volere andare fino in fono a questa faccenda: “Pazzesco. Andrò fino in fondo a questa vicenda del passato, incredibile che la ‘giustizia’ punisca il poliziotto e lo Stato e risarcisca il Rom ladro”.