Aquarius approda in Spagna: il pensiero di Salvini

Il ministro dellʼInterno: “Stiamo solo facendo quello che abbiamo promesso in campagna elettorale”. 

 

“La Aquarius approda in Spagna. Per la prima volta una nave partita dalla Libia e destinata in Italia attracca in un Paese diverso: segno che qualcosa sta cambiando, non siamo più gli zerbini d’Europa”.

Ha scritto così il neo Ministro dell’Interno Matteo Salvini su Facebook. “Stiamo facendo qualcosa di assolutamente normale, stiamo difendendo i confini nazionali, come promesso in campagna elettorale”, ha sottolineato poi in un convegno a Seregno (Monza-Brianza).

Secondo Salvini “è finita la pacchia per i trafficanti di esseri umani che stanno facendo far soldi alle cooperative. L’obiettivo è che entri in Italia chi ne ha diritto”.

“Finito il tempo del signorsì” – 

“E’ finito il tempo del signorsì, signor padrone. Visto che paghiamo, accogliamo chi vogliamo”, ha detto ancora il ministro dell’Interno. “Se dopo gli spagnoli, arriveranno i francesi, i portoghesi e i maltesi – ha aggiunto – noi saremmo le persone più felici del mondo. Ringrazio il governo spagnolo, ma mi auguro che ne accolga altri 66.629, e spero che arrivino anche i portoghesi e i maltesi”, ha precisato Salvini.

“Italia mai stata così centrale, Ue passi da parole ai fatti”

 Parlando di diverse questioni sul tavolo europeo, dai migranti alla sicurezza, all’agricoltura, il ministro dell’Interno ha quindi precisato: “Non siamo mai stati così centrali e ascoltati, al prossimo Consiglio europeo saremo i protagonisti principali, non comparse, adesso se l’Europa c’è ci aspettiamo che passi dalle parole ai fatti”.

 – Alla domanda se il governo stia lavorando a un piano per l’Africa, Salvini ha risposto: “Stiamo lavorando su come spendere meglio in Africa i soldi, che finora non sono arrivati agli africani ma ai governi”.

Il leghista ha poi detto di essere “sicuro che, con il presidente francese Macron, che ha un cuore così grande, dopo la Spagna toccherà alla Francia e poi magari al Portogallo e a Malta” accogliere i migranti. “In queste settimane ho lavorato per ridurre gli sbarchi – ha aggiunto -, nelle prossime inizierò a lavorare per aumentare le espulsioni”.