MotoGP Catalunya, Iannone: “Possiamo salire sul podio”

Andrea Iannone (©Getty Images)

MotoGP Catalunya | Iannone: “Possiamo salire sul podio”

Apparso decisamente a proprio agio in sella alla Suzuki, Andrea Iannone è stato tra i protagonisti assoluti della prima giornata di prove sul circuito del Montmelo. Nono al mattino a causa di una scivolata senza conseguenze alla curva 10, il centauro di Vasto ha firmato la seconda miglior prestazione al pomeriggio a poco più di un decimo da uno scatenato Jorge Lorenzo.

“In generale sono contento di com’è andata la giornata, perché la velocità c’è. Dobbiamo invece trovare la continuità, che sarà importantissima per la gara di domenica. Questa è l’unica cosa che mi preoccupa. Se riuscissimo a fare questo step, credo che saremmo in grado di lottare per il podio non solo qui ma in tutte le gare“, ha affermato il 28enne che ha poi analizzato nel dettaglio le mancanze della sua GSX-RR.

“Dovrò cercare di mantenere le gomme costanti ed evitare il degrado che ci colpisce nella seconda parte di GP impedendoci di mantenere lo stesso ritmo. Come al Mugello, quando più o meno a metà corsa la moto ha iniziato a muoversi tanto, oggi è accaduto lo stesso. Non si possono perdere otto decimi così!”, ha argomentato. Passando invece al tema asfalto “The Maniac” è rimasto soddisfatto malgrado il grip non sia ancora ottimale: “E’ migliore di quello vecchio, ma l’aderenza non è buonissima. E’ sempre difficile guidare sul tracciato catalano. E’ anomalo rispetto ad altri. Ad ogni modo la situazione è uguale per tutti, quindi cercheremo di adattarci”.

Infine passando ai lavori effettuati alla prima chicane si è così lamentato: “Secondo me è pericolosa, perché quello che c’è nella via di fuga non è asfalto, è un qualcosa di più industriale, dunque si scivola tantissimo. Inoltre credo che lì non dovessero mettere dei dossi, ma piuttosto fare un percorso da seguire con quelle specie di conetti che hanno messo più avanti”.