Fuga dalla Ferrari, via un altro nome importante

Ferrari (©Getty Images)

F1| Fuga dalla Ferrari, via un altro nome importante

Dopo l’addio del capo progettista del Cavallino Lorenzo Sassi arrivato a sorpresa a fine 2017 per andare a far compagnia all’ex collega Aldo Costa, un’altra defezione importante arriva a poche ore dal termine del GP di Montecarlo che ha visto Sebastian Vettel salire sul podio. Dal prossimo 31 maggio Simone Resta, attuale chief designer della Ferrari, non farà più parte della Scuderia e dall’1 luglio diventerà operativo all’Alfa Romeo Sauber questa volta nelle vesti di direttore tecnico.

La notizia improvvisa giunge a poche settimane di distanza dal licenziamento con effetto immediato dell’ex boss tecnico di Hinwil Jorg Zander, cacciato dopo il round dell’Azerbaijan per presunto abuso di sostanze alcoliche e sostituito momentaneamente dal team principal Frederic Vasseur, che visto i suoi già impegnativi compito di supervisore e ristrutturatore del gruppo svizzero, ha dovuto mettersi alla ricerca di un vero e proprio dt da piazzare al più presto al posto del tedesco.

Chi è Resta

Dopo aver conseguito nel 1995 la laurea in ingegneria meccanica presso l’Università di Bologna, dal 1998 ha lavorato in Minardi nel dipartimento di ricerca e sviluppo, approdando a Maranello nel 2001 con il ruolo di capo progettista. Successivamente nel 2006 ha assunto l’incarico di responsabile del dipartimento di Ricerca e Sviluppo e dal 2012 quello di vice chief designer.

Nel 2014 è stato promosso dal Presidente Sergio Marchionne a capo progettista ed è sotto le sue indicazioni che hanno preso forma le ultime monoposto rosse.

Non essendoci ancora un nome pronto a fare le veci dell’ingegnere faentino, il team ha deciso di dare la fiducia ad Enrico Cardile e David Sanchez che per il momento garantiranno la continuità.

A dare l’annuncio dell’uscita di scena del 47enne è stata la Ferrari stessa con un breve cinguettio sulla propria pagina Twitter.