Sbanda con la Ducati: muore 26enne mentre andava a lavoro

photo dal web

L’ennesima vita spezzata da un incidente stradale. Pietro Augruso, 26enne di Calolziocorte, in provincia di Lecco, stava andando al lavoro quando in sella alla sua moto si è schiantato contro una Fiat Panda che proveniva in direzione frontale. Il violento impatto, avvenuto sulla SP 177, non gli ha lasciato scampo: dopo lo scontro è finito contro un muro che delimita la carreggiata e a nulla è servito l’arrivo immediato dei soccorsi.

Pietro era in sella alla sua Ducati Monster quando il destino ha deciso che la sua corsa dovesse fermarsi ieri mattina in quella curva, poco dopo le 7:30, all’altezza di Torre de’ Busi mentre era diretto verso Caprino Bergamasco. A bordo della Fiat Panda viaggiavano una coppia di 51 e 40 anni, una bambina di 7 anni, due ragazzine di 12, fortunatamente tutti usciti indenni. I genitori di Pietro hanno saputo del dramma mentre erano già al lavoro: lei dipendente del tribunale di Lecco, lui ferroviere.

La salma del 26enne ora si trova presso la camera mortuaria dell’ospedale Manzoni di Lecco da dove lunedì partirà per raggiungere, alle ore 15, la chiesa arcipresbiteriale di Calolziocorte, dove verranno celebrati i funerali. Dopo di che la salma di Pietro Augruso verrà portata al cimitero di Lorentino per l’ultimo saluto.