Investe un bidello e lo prende a bastonate: “Molestava mia figlia”

Un automobilista a bordo di una Lancia Y ha prima investito un uomo in bicicletta, poi è sceso dal veicolo e lo ha colpito al volto con un bastone. E’ accaduto a Squinzano, in provincia di Lecce, nei pressi di una scuola elementare. La vittima dell’aggressione è un bidello 58enne e inizialmente sembrava un blitz in stile ‘Arancia meccanica’ senza un valido motivo.

L’operatore scolastico è stato condotto in ospedale dove gli sono stati riscontrati vari traumi giudicati guaribili in 40 giorni giorni. Ha riportato entrambi gli avambracci spezzati e ferite per cui sono state necessarie ben 175 punti di sutura, ma adesso la vicenda si circonda di tonalità chiaro-scure che dovranno essere accertate dai carabinieri. L’aggressore si è presentato in caserma consapevole di essere ricercato e confessato di aver agito d’impulso, dopo che il bidello avrebbe inviato delle avances telefoniche alla figlia.

In paese il 60enne è conosciuto come una persona molto rispettabile che mai sarebbe capace di corteggiare una ragazzina. Se davvero dei messaggi di corteggiamento sarebbero stati inviati potrebbe anche essere che ad utilizzare il telefonino fosse suo figlio che ha la stessa età della ragazzina. Risposte che dovranno dare gli investigatori…