Vinales non ci sta, la Yamaha ascolta solo Valentino Rossi

Lo spagnolo non è contento

Maverick Vinale e Valentino Rossi (Getty Images)

MotoGP | Vinales non ci sta, la Yamaha ascolta solo Valentino Rossi

C’era una volta Maverick Vinales, astro nascente della MotoGP pronto a rompere l’egemonia di Marc Marquez. Un pre-campionato 2017 da paura, sempre in testa e prime gare da mattatore assoluto. Poi l’improvvisa crisi e la lenta discesa nel baratro con lo spagnolo a chiedere di una presunta moto che a suo dire non è più la stessa.

C’è oggi Maverick Vinales, un pilota depresso da una situazione diventata insostenibile. La sua Yamaha, infatti, sembra non funzionare per niente e in alcune gare, vedi quella di ieri, il divario con Valentino Rossi diventa addirittura eccessivo e imbarazzante.

Il box di Rossi lavora meglio

Nei mesi scorsi molto si è discusso dello sviluppo di questa moto. Maverick Vinales, infatti, era apparso entusiasta della M1 nelle prime uscite ufficiali a differenza di Valentino Rossi, che si era sempre lamentato della Yamaha 2017. Poi da un certo punto in poi i problemi si sono estesi anche allo spagnolo.

Dopo la gara di ieri Maverick Vinales ha ammesso che il box di Valentino Rossi ha lavorato meglio. Una strana affermazione visto che tecnicamente il “muro” eretto da Jorge Lorenzo dovrebbe essere in teoria sparito ed entrambi i piloti dovrebbero essere dotati degli stessi dati.

Come riportato da “Motorsport.com”, però fanno rumore altre dichiarazioni di Vinales, che ha affermato: “Stiamo lavorando male nel lato del nostro box. Magari sono io che non mi spiego bene, ma sono stanco di stare dietro. In ogni caso ho deciso io stare qui e quindi non posso certo lamentarmi. Forse dobbiamo cambiare il nostro modo di lavorare, è chiaro che qualcosa non funziona”.

Insomma Maverick Vinales non sembra proprio felicissimo di questo suo secondo anno in Yamaha. Intanto però le polemiche si moltiplicano sull’enorme differenza di risultati tra i due piloti del team di Iwata.

Antonio Russo