MotoGP Le Mans, Valentino Rossi: “Più veloce di quanto pensassi”

Valentino Rossi
Valentino Rossi (©Getty Images)

Valentino Rossi ha il terzo miglior tempo dopo la prima giornata di Prove Libere MotoGP a Le Mans. Per lui e Yamaha la pista francese è decisamente migliore di quella di Jerez. I tempi di FP1 ed FP2 lo testimoniano.

In Francia non ci sono i problemi di grip avuti altrove dalla M1. I difetti di elettronica si notano meno. Ciò consente sia al Dottore che a Maverick Vinales di guidare meglio. Lo spagnolo ha chiuso quarto, dietro al pesarese e davanti a Johann Zarco. Dunque tutte le Yamaha con i piloti migliori sembrano finalmente in palla. Ovviamente bisognerà vedere domani tra ultimi turni di prove libere e Qualifiche come andranno le cose. Poi, come sempre, sarà la gara il giudice finale.

MotoGP Le Mans, Valentino Rossi dopo le Prove Libere

Valentino Rossi al termine della prima giornata di Prove Libere a Le Mans è abbastanza soddisfatto. Si sente bene sulla sua Yamaha M1, è veloce e il passo pare buono. Queste le sue considerazioni riprese da Speedweek: «È stato un inizio migliore di quanto mi aspettassi. Dopo il test a Jerez e anche dopo quello al Mugello ero preoccupato perché non ero molto veloce. È risaputo che la Yamaha funziona molto bene su questa pista. Non so perché sia ​​così, perché sulla carta non è necessariamente un tracciato Yamaha. Ma mi piace il layout e l’asfalto offre molto grip».

Sicuramente il fattore grip incide, dato che sotto questo aspetto l’asfalto di Le Mans è ottimo. Ma ci sono anche altri fattori che il nove volte campione del mondo evidenzia per spiegare la competitività Yamaha avuta oggi: «Dato che qui abbiamo curve così brevi, l’elettronica non gioca un ruolo così importante come in altri. Il tempo era fantastico, le temperature erano perfette, c’era il sole ma non troppo caldo. Queste sono le condizioni ideali per noi. Ho trovato anche un buon ritmo sulle gomme usate, che è molto importante e promettente per la gara».

Un Valentino Rossi molto contento dopo questo primo giorno. Però appunto, è solo il primo e adesso sarà importante confermarsi domani in ottica anche della gara di domenica. Il rider Yamaha, infatti, prosegue così la propria analisi: «Certo, questo era solo l’inizio e dobbiamo ancora migliorare molte cose e anche girare molti giri di prova per fare la giusta scelta di pneumatici per la gara. Ma quando le cose stanno andando così bene, è molto più divertente. Qui la combinazione di moto, pneumatici e pista funziona molto bene, quindi non abbiamo avuto problemi i problemi di Jerez».

 

Matteo Bellan