Moto GP, Vinales critico: “Dobbiamo adattare la moto a Le Mans”

Maverick Vinales (Getty Images)

Ottima sessione per Vinales, che torna a parlare delle modifiche necessarie in casa Yamaha. Occorre adattarsi alla pista di Le Mans.

Una sessione di prove libere entusiasmante a Le Mans, con ben tre moto nel misero spazio di 67 millesimi. Un’anteprima fantastica, che preannuncia un weekend molto combattuto nel GP di Francia. Quasi a tempo scaduto è stato Marc Marquez a piazzare la zampata vincente, confermandosi l’uomo più in forma del paddock al momento.

È la sua Honda a finire in testa, con un crono di 1’32’’476. Un risultato importante, dal momento che è giunto su una pista come quella di Le Mans, mai stata particolarmente favorevole allo spagnolo. La concorrenza però non sta di certo a guardare, con Dovizioso e Vinales che hanno dato una risposta molto importante.

Il pilota della Ducati, che ha da poco rinnovato il contratto, ha confermato quanto di buono fatto vedere a Jerez. In questa prova è giunto a soli 25 millesimi dalla vetta. Ottima anche la prova di Vinales, leader per quasi tutta la sessione. Nel finale è però stato scavalcato, finendo ad appena 67 millesimi dal primo posto. È qui che Vinales ha ottenuto la sua ultima vittoria, e avrà di certo voglia di ripartire dal GP di Francia.

Moto GP, Vinales critico con la Yamaha

Continuano i botta e risposta tra Vinales e la Yamaha. Il pilota spagnolo, così come il collega Rossi, non si risparmia, rivolgendosi alla casa produttrice. Si registra qualche ritardo di troppo rispetto alla concorrenza, e questo potrebbe di certo inficiare il rendimento in stagione.

Dopo la sessione libera di oggi, Vinales ha così parlato della sua moto: “Questo pomeriggio abbiamo provato qualcosa, ma devo dire che non mi piaceva. È proprio per questo che ho trascorso tanto tempo all’interno dei box. È stato necessario ricostruire il tutto. Le cose però sono infine andate molto bene. La moto mi piace, ma è necessario intervenire sotto l’aspetto dell’elettronica. La pista? Non siamo andati come lo scorso anno. Non so dire se l’impianto sia cambiato così tanto, ma la fiducia che sento non è quella dello scorso anno. Sarà necessario adattare la moto a Le Mans”.