Valtteri Bottas: “Mi sento da vittoria mondiale”

Valtteri Bottas (©Getty Images)

F1| Valtteri Bottas: “Mi sento da vittoria mondiale”

Ancora a secco di vittorie quest’anno Valtteri Bottas ha ugualmente voluto mettere sull’avviso Lewis Hamilton. Il finnico della Mercedes dopo una prima stagione di apprendistato ha ammesso di sentirsi maggiormente a proprio agio nel team e con la macchina e per questo farà di tutto per soffiare la coppa più importante allo scomodo vicino di box.

“Dalla fine del 2017 ho iniziato ad esprimermi ad un buon livello e credo di aver cominciato questo campionato su quell’onda positiva”, ha dichiarato a Motorsport.com.”Dal mio punto di vista la W09 è migliore della precedente, la trovo più guidabile e questo mi rende più fiducioso. Non sono dunque sorpreso di essere più competitivo rispetto a dodici mesi fa, ma si può sempre migliorare. Adesso so di avere la chance di vincere il titolo. So che è possibile, però sono altrettanto consapevole che non sarà per nulla semplice e che dovranno coincidere diverse cose
L’obiettivo è quello di fare bene in ogni corsa, tuttavia capita che vi siano rischi da prendere rischi ed è in quei momenti che bisogna tenere presente che il calendario della F1 è una maratona, con 21 tappe, e che quello che conta è la somma finale dei punti”.

Il mondiale finora e il futuro

Facendo un mini bilancio dei cinque round disputati il driver di Nastola si è proclamato abbastanza soddisfatto. “Siamo partiti con dei test molto buoni grazie ad una monoposto già in parte sviluppata. Per questo motivo non abbiamo portato a Melbourne le stesse novità dei nostri avversari e sapevamo che alcune squadre si sarebbero avvicinate. In questi primi GP abbiamo visto una lotta molto serrata e credo che sarà così fino al termine. Qualche pista si adatterà meglio di altre alla nostra monoposto, ma in generale prevedo un certo equilibrio. Per quanto mi riguarda il ko di Baku per una foratura mentre ero al comando è stata la mia più grande delusione sportiva. Avevo fatto bene e mancavano tre giri. Sapevo che sarei andato via dall’Azerbaijan in vetta alla generale, quindi è stato difficile accettare quanto accaduto, però non serve ripensare a ciò che non si può cambiare”, ha considerato filosofico.

Infine sul rinnovo del contratto Bottas ha concluso: “Non ho una grande fretta, ma credo che inizieremo presto i colloqui del caso. Da parte mia, mi piacerebbe restare a lungo a Stoccarda e sono sicuro che se la mia performance continuerà ad essere valida, tutto andrà per il meglio“.

Chiara Rainis