Arch Motorcycle Method 143, modello ad edizione limitata

arch motorcycle 143

Method 143 Arch Motorcycle è un modello prodotto senza badare a spese. Dal suo design alle sue tecniche di produzione fino ai suoi componenti di fascia alta, di terze parti. Il motore è un V-Twin T143 2,343cc (143ci) a iniezione di carburante da S e S. Il mulino S e S pesante è stato riaccordato per una migliore longevità e una migliore risposta dell’acceleratore anche se, secondo quanto riferito, è stata eliminata pochissima grinta dal momento che il V-Twin continua a perdere 170 cavalli. Il motore è inoltre dotato di testate cilindri B3 con due flange di scarico a bullone, volani in tre pezzi, pompa dell’olio ad alta portata e coperchio della camma, e punterie ad alte prestazioni Premium tutte da S, nonché copri bilancieri nero lucido, copri-ingranaggi, punterie e tubi delle aste di spinta. Il mulino S ora sputa i fumi bruciati grazie a un estrattore in titanio ispirato alla MotoGP, alluminio billet e scarico in fibra di carbonio prodotto da SC Project. Il 143 presenta anche un “transmixer” Baker a sei velocità collegato a un albero principale a coppia elevata con una trasmissione finale a catena che dà potenza alla ruota posteriore. Il massiccio motore riceve anche l’aiuto di alcuni moderni supporti per la guida elettronica, dato che c’è sicuramente molto potere da tenere sotto controllo. Avvolto attorno al V-Twin è un telaio monocellula in fibra di carbonio con una pila a combustibile integrata, un primato per un modello di produzione e una caratteristica che consente il minimo peso e la massima stabilità, specialmente ad alte velocità.

Method 143, verranno prodotte solo 23 unità

Bullonata sul telaio principale è una sottostruttura in alluminio lavorato a CNC, e al di sotto di questo c’è un forcellone in alluminio billet lavorato a CNC, unilaterale, progettato da Arch e realizzato da Suter Industries. I freni sono composti da due pistole ISR dual sei da 30 mm con montaggio radiale a dischi radiali con dischi ammortizzati ISR ​​flottanti nella parte anteriore e due pistoni ISR ​​a doppio pistone a montaggio radiale con disco semi flottante ISR sul retro. L’intera macchina è montata su speciali ruote in fibra di carbonio da 17 “BST” Turbine “da 17” avvolte in gomma Michelin Power RS. La carrozzeria è composta da un’unità in alluminio 6061 lavorata a CNC con una pelle integrata stratificata nella zona del sedile e del serbatoio. Le linee di lavorazione sono state lasciate come scelta stilistica, evidenziando il fatto che più di 200 parti sono state lavorate singolarmente per produrre ciascun modello. Sorprendentemente sembra che il display sia costituito da ciò che l’azienda chiama “display della strumentazione per telefoni mobili Arch”, sebbene il 143 funzioni ancora con l’illuminazione a LED proprietaria e ciò che la marca elite definisce “misura e finitura su misura”. Anche se Arch chiama il Method 143 un “prototipo di moto da produzione”, solo 23 unità saranno prodotte.