MotoGP, Marc Marquez: “Ci sono problemi con la moto”

Marc Marquez
Marc Marquez (©Getty Images)

MotoGP, Marc Marquez: “Ci sono problemi con la moto”.

Prima del GP di Le Mans, il nuovo leader del Campionato del Mondo MotoGP, Marc Márquez, ha parlato dei suoi avversari, del bilanciamento della potenza nella classe regina e del forcellone in carbonio della Honda.

Marc Márquez ha festeggiato la sua seconda vittoria stagionale con un po’ di danza sulla sua Honda Repsol quando ha tagliato il traguardo a Jerez. “Ho avuto la fortuna di superare il traguardo di cinque secondi. Quest’anno non ci saranno molte opportunità per raggiungere il traguardo con così tanto vantaggio”, afferma lo spagnolo a Speedweek.com.

Gli avversari di Marquez

Ora Marc Márquez guida la classifica generale della MotoGP con dodici punti di vantaggio su Johann Zarco e venti su Maverick Vinales. “Certo, Jerez era importante, come ogni gara. Ma partire con forza nelle gare europee è molto significativo. Tuttavia, ho notato che ho avuto alcuni problemi. Mi sentivo molto a mio agio sulla moto – ha aggiunto il fenomeno di Cervera -, ma sono anche caduto tre volte durante il weekend. Abbiamo ancora bisogno di qualcosa nella parte anteriore. Voglio capirlo”.

Nei test al Jerez e al Mugello Marc Marquez ha testato una nuova carena aerodinamica (anzi tre) e da qui potrebbe derivare la possibile soluzione. Un’altra via tastata è il forcellone in carbonio che però richiede uno stile di guida leggermente diverso. Ma occhio agli avversari che sembrano in gran forma: “Ci sono solo dodici punti tra me e Johann [Zarco] nella classifica generale. Certo, alcuni piloti [Dovizioso, Lorenzo e Pedrosa] hanno perso terreno a causa della caduta. Questo è positivo per noi. Ma ho detto prima dell’inizio della stagione in Qatar che Zarco sarà molto forte e la Suzuki sarà sul podio. Quindi più o meno quello che mi aspettavo è arrivato. Tuttavia, sono sicuro che i piloti Ducati saranno forti sulle altre piste,come lo erano a Jerez. Ma dobbiamo ricordare che sono state solo quattro gare – ha concluso -, ce ne sono ancora molte davanti a noi”.