Problemi per la Ferrari, la FIA boccia gli specchietti retrovisori

ferrari gp spagna
Ferrari GP SPAGNA (©Getty Images)

Arriva la decisione della FIA: la Ferrari dovrà effettuare delle modifiche ai nuovi specchietti retrovisori

La Ferrari è stata la prima squadra ad accettare l’invito della FIA di poter fissare gli specchietti retrovisori in maniera diversa così da consentire una migliore visibilità. L’ SF71H apparsa nei box ha gli specchi retrovisori non più attaccati alla scocca della vettura, bensì all’anello superiore del diadema. Inoltre sono state posizionate due appendici aerodinamiche collegate all’Halo. Come già raccontato questa novità era stata approvata dalla FIA, ma aveva lasciato qualche sospetto perché occupava una zona grigia del regolamento. “Finora non avremmo osato”, ha ammesso il direttore tecnico di Force India, Andy Green. “Continuo a pensare che sia una grande idea. Questo mostra come la Ferrari riesca ad arrivare al limite.” Appena la Ferrari ha mostrato la sua interpretazione dello specchio sull’aureola, tutti gli altri team hanno chiesto ai commissari se tutto fosse in regola. Il direttore di gara della FIA Charlie Whiting è apparso nel pomeriggio di venerdì nel box Ferrari e ha fotografato la parte della nuova struttura che è contestata.

Specchi retrovisori non conformi, la decisione della FIA

La domanda è: questo specchio rappresenta un’ala o è un’ala con uno specchio? La risposta è arrivata e si è deciso che la Ferrari dovrà portare una soluzione diversa in vista del prossimo gran premio. Lo specchio può ancora essere attaccato in questo modo, ma senza elementi aerodinamici. La Ferrari si è difesa precisando che gli specchi sono stati ricostruiti principalmente per migliorare la visibilità anteriore e posteriore. Il piccolo elemento ad ala è stato aggiunto come rinforzo per il fissaggio dello specchio e per nessun motivo aerodinamico. Ma questa motivazione non ha convinto la FIA. Alla Renault hanno ammesso di avere anche una soluzione in cantiere. “Ci stiamo lavorando”, ha confermato il direttore tecnico Bob Bell. “Penso che sia quello che faranno tutti i team.”