Lewis Hamilton: “Pole ottenuta grazie alle mie forze”

Lewis Hamilton (Getty Images)

F1| Hamilton: “Pole ottenuta grazie alle mie forze”

Che la Mercedes fosse in forma lo si era capito sin dalle prime libere, quindi non desta sorpresa l’aver visto Lewis Hamilton capace di segnare un crono da capogiro come l’1″16″173 per andarsi a prendere di forza la pole position in Spagna davanti al suo compagno di squadra Valtteri Bottas e a un Sebastian Vettel, a cui comunque in gara dovrà fare attenzione.

“Dopo l’ultimo GP tante persone mi hanno detto che ero stato troppo severo con me stesso. Io non la vedevo in quel modo, ma quando siamo tornati in fabbrica, mi hanno mostrato i dati ed ho visto che avevo davvero un ottimo passo, quindi pensavo che la situazione fosse molto peggiore rispetto alla realtà”, ha raccontato l’inglese a Sport Sport F1 HD. “Bisogna sempre mantenere la concentrazione e io alla fine sono riuscito a non commettere errori a differenza di altri. Per questo weekend mi ero posto l’obiettivo di fare una prestazione migliore e di ottenere la partenza al palo non per circostanze esterne, ma per mio merito e ce l’ho fatta“.

Questione di millesimi

Autore di una grande prestazione e tuttavia non in grado di staccare alla grande il suo collega di box Ham ha cercato di fornirne una spiegazione. “Non credo di aver ancora trovato l’armonia con la mia macchina. Va un pochino meglio,  tuttavia Valtteri è a meno di mezzo decimo, ciò significa che non sono ancora arrivato al top e che c’è parecchio lavoro da fare, comunque sono più contento rispetto a Baku. Stiamo continuando i nostri progressi e dobbiamo proseguire su questa strada”.

Infine sulla scelta di segnare il tempo con le supersoft il quattro volte iridato ha spiegato: “Adesso abbiamo compreso come utilizzare la gomma e fare più giri ci ha aiutati in questo. I ragazzi hanno lavorato sodo per provare a sfruttare meglio le coperture. Sono molto soddisfatto e speriamo di continuare a progredire anche nelle prossime gare”.

Chiara Rainis