GP Spagna, sulla Ferrari arrivano gli specchietti sull’HALO

ferrari gp spagna
Ferrari GP SPAGNA (©Getty Images)

Novità assoluta in casa Ferrari, l’SF71H monta specchietti retrovisori sull’Halo

La Ferrari ha sorpreso il “paddock” di Montmelo con una novità davvero interessante. La casa di Maranello è la prima squadra a sfruttare, come consentito dalla FIA di questa gara, l’uso di Halo per migliorare la visibilità dei piloti. Così, all’SF71H apparsa nei box sono stati montati gli specchi retrovisori non più attaccati alla scocca della vettura, bensì all’anello superiore del diadema. Inoltre sono state posizionate due appendici aerodinamiche collegate all’Halo. Delle vere e proprie “ali” utili alla pulizia dei flussi che scorrono verso la parte posteriore dell’auto. Si tratta di un piccolo supporto verticale che unisce i due elementi per dare compattezza a tutto. Fin dalla presentazione la SF71H è stata criticata perché all’interno degli specchietti è previsto il passaggio dell’aria e quindi fungono come deviatori del flusso. In pratica in gara è possibile aumentare il carico aerodinamico, oltre a limitare la perdita di efficienza abbassando l’ala posteriore.

Ferrari, arriva il benestare della FIA

L’ingegno verrà esaminato in questo primo evento europeo in cui tutte le squadre forniranno un nuovo “pacchetto” aerodinamico. La galleria del vento della Ferrari, completamente rinnovata nel 2014, ha funzionato a pieno regime per qualche tempo e i suoi concetti sono stati copiati per il lavoro su pista, così come lo erano i router di flusso di fronte ai pontoni l’anno scorso. Da più di un anno che la Ferrari testa soluzioni aerodinamiche interessanti ed esteticamente notevoli. È quasi certo che questo tipo di scelta creerà polemiche e critiche all’interno del paddock. La Ferrari si è spinta in una zona abbastanza grigia del regolamento e ha descritto queste appendici come sostegni utili a limitare le vibrazioni dello specchietto ancorato sull’Halo. La FIA, almeno per il momento, ha dato il proprio benestare alla soluzione. Ora però si attendono le mosse delle rivali Mercedes e Red Bull. Il motivo principale di questa novità resta la visibilità posteriore perché l’Halo ostacola molto lo sguardo laterale dei piloti.